ESSERE GENITORI, DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Giochi per bambini balbuzienti (3 idee)

Capitoli

  1. Balbuzie nei bambini: cos’è?
  2. Balbuzie improvvisa a 2 o 3 anni, cosa fare?
  3. Esercizi e giochi per balbuzie infantile

Un figlio balbuziente è spesso una grande preoccupazione per un genitore - soprattutto se è molto piccolo. L’ambiente familiare ha molta importanza nel trattamento di questa condizione: scopri quali giochi per bambini balbuzienti puoi fare con lui per aiutarlo!

kid_talking_microphone_stuttering

Balbuzie nei bambini: cos'è?

 

Se hai mai sentito un bambino balbettare, anche solo per pochi istanti, sicuramente ti sei fatto un’idea di quanto può essere fastidioso questo disturbo del linguaggio per la persona che ne è colpita. La balbuzie si caratterizza per una più o meno marcata disfluenza nel parlare: le sillabe vengono pronunciate con incertezza e frequenti pause e ripetizioni.

La balbuzie è piuttosto frequente nei bambini e, se non trattata, può accompagnare la persona fino all’età adulta. Si tratta di un disturbo che nella maggior parte dei casi ha un'origine psicologica/emotiva; molto spesso un trauma infantile. Se non viene curata, la balbuzie causa nel bambino un costante e crescente nervosismo, che si aggiunge all’ansia di parlare in pubblico 😰.

Ansia e nervosismo impediscono una corretta respirazione e, va da sé, la produzione del linguaggio non può che peggiorare! Ecco perché quello della balbuzie è un “circolo vizioso” che va interrotto. Con l’aiuto di un logopedista ma anche con quello dei genitori.

Come genitore puoi fare molto per aiutare il tuo bambino che balbetta. Ci sono numerosi comportamenti da adottare per aiutare un bambino a superare questo problema, così come giochi da fare a casa che in realtà sono piccoli e divertenti esercizi per allenare e rieducare il suo apparato fonatorio. In questo articolo vedremo qualche esempio, continua a leggere!

 

Balbuzie improvvisa a 2 o 3 anni, cosa fare?

 

Tuo figlio sta imparando a parlare e di colpo si è messo a balbettare? Innanzitutto, non ti preoccupare. Balbettare fa infatti parte del percorso di apprendimento del linguaggio: nella maggior parte dei casi si tratta di una fase, che si risolverà da sola 💬. 

Bisogna però tener presente che la balbuzie ha esordio infantile, generalmente proprio tra i 2 o 3 anni, e comunque in età prescolare. I bambini inizialmente non ne sono consapevoli e periodi di balbuzie possono alternarsi a periodi in cui il bambino parla fluentemente; un genitore attento, però, può subito mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti.

 

Non rimproverare e non chiedere di parlare lentamente

 

La prima cosa da fare è mantenere la calma e, soprattutto, non rimproverare il bambino. Dire frasi come “parla più lentamente” o “fai un bel respiro” non è utile: il bambino non sa cosa vogliano dire nella pratica, non è capace di farlo, dunque si agiterà ancora di più poiché non riuscirà a soddisfare le richieste.

 

Avere pazienza e non completare le frasi al posto suo

 

Se tuo figlio balbetta e fatica a formulare il discorso, la cosa migliore che puoi fare è attendere con pazienza che finisca di esprimersi, mantenendo un’espressione interessata ed evitando di completare parole e frasi al posto suo 🤐.

 

Guardarlo negli occhi e mostrare interesse

 

Il contatto oculare è molto importante perché fa capire al bambino che sei interessato a ciò che sta dicendo e sposta l’attenzione dalla forma (il balbettare) al contenuto (ciò che ti sta dicendo).

 

Cambiare il proprio ritmo di linguaggio

 

Se vuoi che tuo figlio parli con calma e lentamente, inizia a farlo anche tu: è l’unico modo per insegnare anche lui a farlo! Parla lentamente, con un buon ritmo regolare e con frequenti pause. Non chiedergli di imitarti, l’imitazione sarà istintiva e naturale ma non deve sentirsi sotto pressione.

 

Annotare giorni e situazioni migliori e peggiori

 

La balbuzie non è costante nella sua intensità: migliora e peggiora a seconda dei giorni, delle settimane, delle situazioni della vita. Può essere utile tenere un diario 📗 (simile al diario di apprendimento di cui abbiamo già parlato) per annotare quando il disturbo migliora o peggiora.

 

Esercizi e giochi per balbuzie infantili

 

Esistono anche giochi per bambini balbuzienti che possono aiutarli a fare esercizio divertendosi. Sì, sono esercizi mascherati da giochi, ma possono intrattenere il tuo bimbo e aiutarlo a migliorare il suo linguaggio mentre si diverte assieme a te, un fratellino o una sorellina!

 

Imitare i suoni più diversi

 

Gioca assieme a tuo figlio a imitare il maggior numero possibile di suoni diversi 🔊. Puoi farti ispirare da quello che c’è attorno a te in casa o, meglio ancora, dalle immagini che trovi in un libro per bambini. Divertirsi producendo i suoni più strani lo aiuterà ad acquistare fiducia in sé e nel parlare davanti alle altre persone.

 

Recitare uno scioglilingua (lentamente)

 

Gli scioglilingua, quelle complicate “filastrocche” che ci sfidavamo a ripetere velocemente da bambini, possono essere un grande aiuto per un bambino balbuziente. A patto che siano ripetuti lentamente e prestando attenzione al ritmo. Si tratta di veri e propri esercizi per l’apparato fonatorio, che lo aiuteranno a conseguire un parlato più fluente. Online si trovano scioglilingua di ogni tipo, anche illustrati, ottimi da guardare e ripetere lentamente insieme.

 

Il gioco dell’interruzione

 

Essere in grado di interrompersi mentre si parla è di fondamentale importanza per un bambino balbuziente. Ma è difficile se non si sa come farlo: puoi insegnarlo al tuo bambino giocando insieme a lui a interrompervi a turno mentre parlate. Dopo la prima parola, poi ogni due, ogni tre e così via. Giocando assieme imparerà a interrompere il proprio parlato (piccolo accorgimento che gli permette di balbettare meno).

 

Un ultimo consiglio

 

...Mai esagerare! Quando ti accorgi che il tuo bambino fa molta fatica a parlare, è l’ora di smettere. Passa alle domande chiuse (quelle che prevedono sì/no come risposta) e gioca con lui a giochi a basso o bassissimo carico linguistico. Puoi leggergli un libro, oppure giocare alle costruzioni o con la pista delle macchinine 🚗 o, se è più grande, fare una partita a scacchi.

Prenota una sessione di ripetizioni private gratuita

Prenota ora