COMPORTAMENTO, ALTRI CONSIGLI, ITALIANO

Come parlare bene in italiano

Capitoli

  1. Perché è importante una buona comunicazione
  2. Come esprimersi meglio in italiano


Hai presente la sensazione di benessere e sollievo che provi quando riesci a chiarire un malinteso con un amico? O la soddisfazione di rispondere a una provocazione con le parole giuste al momento giusto? È l’effetto di una comunicazione efficace: riuscire a trasmettere un messaggio chiaro e coerente all’ascoltatore, così da non generare fraintendimenti.

Saper esprimersi bene migliora la vita in tanti modi: ci fa sentire compresi, ascoltati, meno ansiosi e a nostro agio con le altre persone. Non tutti nascono con buone doti oratorie, ma non c’è da preoccuparsi, parlare bene è un’abilità che si può facilmente migliorare, con gli esercizi giusti.

come-parlare-bene-in-italiano

Perché è importante una buona comunicazione

 

Il linguaggio è ciò che maggiormente distingue l’uomo dagli altri animali: un sistema sofisticato che permette di decifrare la realtà sulla base di codici comuni. Siamo esseri sociali, abituati a comunicare costantemente con i nostri simili per varie ragioni: trasmettere informazioni, annunciare un bisogno, esprimere un’emozione. 💘

Comunicare con efficacia è una competenza estremamente importante in tutti i campi, dalla scuola, ai luoghi di lavoro, alle relazioni familiari.

Pensa a quando cerchi di avere un dialogo con tuo figlio adolescente, a volte è così difficile che vorresti l’aiuto di un interprete. 😳

Quali sono gli elementi necessari per una buona comunicazione?

Predisposizione all’ascolto

Il motivo principale perché due persone non si capiscono è che sono così concentrate su quello che vogliono dire che non ascoltano minimamente il loro interlocutore. Questo dà origine ad un dialogo a senso unico, dove entrambe le parti si sentono frustrate perché non riescono a trasmettere nessun messaggio. 🙅‍♀️

Ascoltare l’altro mentre parla è la base per una comunicazione efficace, oltre che un segno di buona educazione.

Empatia

Essere empatici significa comprendere profondamente le emozioni degli altri, tanto da riuscire addirittura a provarle. Avere empatia aiuta nella comunicazione perché permette di entrare nelle scarpe dell’altro, ragionando secondo il suo punto di vista.

È vero che l’empatia è una qualità con cui si nasce, ma si può anche esercitare, allenandosi a vedere i fatti sotto prospettive differenti. 👀 

Proprietà di linguaggio

Secondo l’istituto Treccani, una persona italiana con un’istruzione medio-alta conosce all’incirca 47.000 parole, ma nel suo quotidiano ne usa solamente una media di 6.500. Gli altri 40.500 sono termini che ascoltiamo dai media o che ci capita di sentire di rado, ma che non sfruttiamo nelle nostre conversazioni.

Per comunicare bene infatti non è necessario possedere un lessico forbito, anzi, parole semplici e di uso comune sono più utili allo scopo. Avere una buona proprietà di linguaggio equivale a conoscere intimamente le parole che si pronunciano, saperne distinguere le sfumature di significato e saperle scegliere con attenzione.

Ti stai chiedendo qual è il modo migliore per migliorare la proprietà di linguaggio? Ma la lettura, ovviamente. 📚

 

Come esprimersi meglio in italiano

 

Leggere tanto

I libri sono la più grande fonte di parole dalla quale possiamo attingere. Leggere tanto insegna ad usare le parole nel modo e nel contesto giusto. Per esempio, diversificare le proprie letture, spaziando da romanzi a saggi a quotidiani, permette di acquisire un lessico vario e spendibile in situazioni diverse.

Conoscere se stessi

Più si conoscono i propri pensieri più è facile comunicarli agli altri. Indagare le proprie emozioni e capire quali dinamiche le suscitano permette di parlarne agli altri con più facilità.

Questo consiglio si applica anche allo studio: quando si hanno delle lacune riguardo la materia da esporre si tende a comunicare in modo confuso e impreciso. Quando invece si ha la padronanza di un argomento, spiegarlo agli altri diventa semplice. 👍

Esercitarsi a parlare in pubblico

Tenere un discorso davanti a una platea di spettatori è una prova in grado di spaventare non solo chi soffre di agorafobia, ma anche i più coraggiosi 😰. Eppure possono essere tante le situazioni in cui ci viene chiesto di parlare in pubblico, a partire dalle interrogazioni di fronte a tutta la classe.

Se tuo figlio tende ad entrare nel panico in queste circostanze ricordati che con l’aiuto di uno psicologo e di esercizi costanti è possibile ribaltare la situazione. Ogni giorno un piccolo passo fuori dalla propria zona di comfort porterà molto lontano.

D’altronde, anche i politici spesso sono terrorizzati dal pensiero di parlare in pubblico e si preparano ai comizi prendendo lezioni di dizione e di comunicazione efficace. 🗣

Non sottovalutare la comunicazione del corpo

Il dondolio agitato di un piede o le braccia incrociate in segno difensivo possono compromettere il tentativo di sembrare a nostro agio durante una conversazione.

Il linguaggio non verbale (body language) è una parte importante del discorso e dice molto più di quello che pensiamo. Facci caso: qualcuno che ti parla fissando il pavimento ti fa pensare a un carattere timido, mentre una persona che gesticola molto e usa un tono di voce alto ti dà l’impressione di essere estroversa.

Ricorda, le parole hanno un potere enorme, spesso sottovalutato. Basta pensare all’importanza della PNL (programmazione neuro-linguistica) che è in grado di riprogrammare il pensiero e il comportamento delle persone, solo grazie al linguaggio.

Soprattutto però, le parole sono nostre amiche, e uno strumento meraviglioso per esprimere la nostra personalità e le nostre emozioni, meglio imparare ad usarle bene! 🌈

Prenota una sessione di ripetizioni private gratuita

Prenota ora