ESSERE GENITORI, DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Quando un bambino ha bisogno dello psicologo?

Capitoli

  1. Cosa fa lo psicologo infantile
  2. Chi è lo psicologo infantile
  3. Quando un bambino ha bisogno dello psicologo?
  4. Dsa e psicologo infantile
  5. Come dire a tuo figlio che vedrà uno psicologo per bambini

 

bambino ha bisogno dello psicologo colloquio

 

Ti sei posto questa domanda di recente? Potresti aver bisogno di informazioni circa il ruolo dello psicologo infantile e le situazioni più comuni in cui è opportuno cercare uno psicologo per il proprio figlio. Scopri quali segnali ti aiutano a capire se è il caso di chiedere aiuto a un professionista.

 

Cosa fa lo psicologo infantile

Psicologo infantile 👶: ne hai mai sentito parlare? Siamo abituati ad associare la figura dello psicologo agli adulti o tutt’al più agli adolescenti, ma anche i bambini possono beneficiare di un percorso con uno specialista.

 

Non per forza perché si siano verificati traumi infantili o difficoltà particolarmente severe: ci possono essere numerosi piccoli “ostacoli” nel percorso di crescita, che possono rendere difficoltoso lo sviluppo armonico della personalità di un bambino.

 

Ecco quando scende in campo lo psicologo infantile: spesso consigliato dalla scuola stessa (o dall’asilo), può dare una mano ai genitori con l’educazione affinché venga garantito al bambino uno sviluppo sereno. Lo psicologo infantile è anche esperto di pedagogia dunque, quando presente come figura interna alla scuola, può interfacciarsi con gli insegnanti. 

 

Chi è lo psicologo infantile

Per prima cosa è un professionista: proprio come lo psicologo a cui ci rivolgiamo noi adulti! Ha studiato psicologia e si è specializzato in psicologia dell’età evolutiva, quella parte della psicologia che si occupa di bambini e ragazzi nell’infanzia e nell’adolescenza. In seguito, si è formato con esperienze in contesti relativi all’infanzia.

 

Può anche essersi specializzato in psicologia clinica: questo percorso formativo approfondisce in particolare l’età evolutiva e la neuropsicologia, dunque lo psicologo clinico sarà anch’egli formato riguardo alle problematiche inerenti lo sviluppo cognitivo e socio-affettivo-relazionale.

 

Lo psicologo infantile non opera da solo: il suo lavoro si inserisce nel contesto del bambino, dunque ha bisogno della collaborazione sia della famiglia sia della scuola. E considera il bambino proprio in relazione a questo contesto: qualsiasi situazione problematica nel rapporto del bambino con la famiglia, con la scuola e con sé stesso può giovare del suo intervento.

 

Insomma, se il pensiero di non essere un genitore all’altezza ti tormenta e pensi che ci sia qualcosa di problematico nel rapporto con tuo figlio, uno psicologo infantile può fare del gran bene alla tua famiglia: quanto più piccolo è il bambino, tanto più organico sarà il suo intervento, che inciderà più sul contesto famigliare e scolastico che sul bambino stesso.

 

Ma come riconoscere se si ha bisogno dell’intervento di uno psicologo? Come cogliere segnali che meritano attenzione nello sviluppo del nostro bambino? 

 

Quando un bambino ha bisogno dello psicologo?

A volte è facile capire se abbiamo bisogno del supporto di uno psicologo per le difficoltà che incontra nostro figlio; a volte invece può essere più difficile, dunque un elenco di sintomi e comportamenti che rappresentano dei campanelli d’allarme può essere utile.

 

Difficoltà a gestire la rabbia 😡

Tuo figlio si arrabbia facilmente? E, soprattutto, ha difficoltà a gestire la rabbia e magari diventa aggressivo? Potrebbe essere il caso di chiedere aiuto per insegnargli ad affrontare questa emozione problematica. Anche se il bambino passa improvvisamente dal buonumore alla rabbia ingiustificata può essere il caso di chiedere un consulto.

 

Stati ansiosi 😥

Uno stato ansioso generalizzato o legato a particolari situazioni che altri bambini vivono normalmente può essere un campanello d’allarme. Anche se tuo figlio è molto ansioso riguardo alla scuola e ai risultati scolastici è il caso di chiedere un parere specialistico.

 

Disturbi del sonno 😴

Un bambino che non riesce a riposare correttamente durante la notte, che si sveglia sempre in preda agli incubi o all’ansia, che dorme troppo o troppo poco o che anche se cresciuto non riesce a dormire da solo, può beneficiare dell’intervento di uno specialista.

 

Disturbi alimentari 🍜

I bambini, generalmente, mangiano di gusto: se tuo figlio di colpo manifesta inappetenza o rifiuto nei confronti del cibo o di alcuni cibi in particolare, potresti farti aiutare da uno specialista per capire cosa lo disturba.

 

Eventi stressanti 💔

Non sono dei veri e propri sintomi ma ci ricordano di prestare attenzione al benessere dei bambini: separazioni, divorzi, lutti, trasferimenti in altre città o cambiamenti comunque grossi possono lasciare i bambini disorientati e sofferenti. Anche se non lo manifestano apertamente. Dunque in queste situazioni il consiglio è di prestare maggiormente attenzione a eventuali comportamenti “anomali”.

 

DSA e psicologo infantile

Ci si rivolge allo psicologo infantile anche nel caso di disturbi nell’area dell’apprendimento:

 

 

Lo psicologo infantile è lo specialista di riferimento per i DSA, i disturbi specifici dell’apprendimento. E’ in grado di fare una prima valutazione e di indirizzare i genitori verso l’opportunità di effettuare test diagnostici specifici per rilevare i DSA.

 

Infine, soprattutto, uno psicologo sa supportare il bambino con DSA e sa aiutare famiglia e scuola a interfacciarsi con lui in maniera costruttiva, in modo che possa “bypassare” le sue difficoltà e raggiungere pienamente e con soddisfazione gli obiettivi di apprendimento! 🏆

 

Come dire a tuo figlio che vedrà uno psicologo per bambini

Ci siamo: hai avuto un incontro con lo psicologo e, ora, è il turno di tuo figlio. Innanzitutto niente panico 😱: i bambini sono molto più aperti di noi! L’idea di vedere uno psicologo non per forza di cose li sconvolge. Inoltre gli psicologi infantili sono dei professionisti dell’infanzia e sanno come rapportarsi con i bambini per metterli a loro agio.

 

Importante è che il concetto che passi a tuo figlio sia che desiderate supportarlo e aiutarlo a stare bene, e che lo psicologo desidera la stessa cosa. Inoltre, gli puoi dire che lo psicologo lo aiuterà a capire quali sono i suoi punti di forza e a valorizzarli per superare le (eventuali) difficoltà incontrate a scuola.

 

A proposito, in caso di difficoltà scolastiche la cosa migliore che puoi fare è cercare un supporto per l’apprendimento di tuo figlio: GoStudent ti offre tutor specializzati e molto preparati anche dal punto di vista umano, in grado di tirare fuori il meglio da ogni studente, qualsiasi sia la sua età. Prova la comodità di lezioni private online quando e come desideri: prenota una lezione di prova ora!

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora