MOTIVAZIONE E STUDIO, ALTRI CONSIGLI, TEMPO LIBERO

Aumentare la concentrazione con lo yoga

Capitoli

  1. Yoga e concentrazione
  2. Concentrarsi con il Pranayama
  3. Migliorare la concentrazione dei bambini con lo yoga
  4. Esercizi di lucidità mentale per grandi e piccoli


 Sappiamo che per migliorare la concentrazione degli studenti sono necessari pasti sani, un ambiente di lavoro ordinato e un buon riposo notturno. A volte però queste attenzioni non bastano, soprattutto con bambini molto attivi, ansiosi o aggressivi. In questi casi lo yoga può davvero fare la differenza, provare per credere.

migliorare-concentrazione-con-yoga

Yoga e concentrazione

 

La capacità di concentrazione è un’abilità essenziale per portare a termine qualsiasi azione, sia per grandi che piccini. Come noi adulti ne abbiamo bisogno in ambito lavorativo o anche solo per fare la spesa senza dimenticare nulla, anche i nostri piccoli non possono farne a meno per studiare e fare i compiti.

Nella società moderna concentrarsi per più di 10 minuti diventa sempre più difficile, date tutte le distrazioni tecnologiche a cui siamo esposti, le poche ore di sonno e lo stile di vita frenetico. Spesso siamo costretti a occuparci di più cose contemporaneamente e questo mette il nostro cervello sotto stress, causando problemi d’ansia.

Per invertire la rotta, quello di cui abbiamo bisogno è creare brevi momenti quotidiani di lucidità mentale (la cosiddetta mindfulness) e lo yoga è la disciplina che può aiutarci maggiormente in questo. Lo yoga insegna a svuotare la mente e a essere consapevoli del momento presente, allontanando i pensieri intrusivi e le divagazioni. Inoltre, può essere praticato sia da adulti che bambini: fare yoga fin da piccoli è consigliato per crescere persone equilibrate e consapevoli del proprio corpo e delle proprie emozioni. 🧘‍♂️

 

Concentrarsi con il pranayama

 

Se ti stai chiedendo come fa lo yoga nel concreto a migliorare la concentrazione, devi sapere che questa antica disciplina si basa su due pratiche principali: asana e pranayama.

Gli asana sono le posizioni dello yoga, quelle che si fanno a corpo libero sul tappetino, come il cane a testa in giù o la posizione del bambino. Pranayama sono invece gli esercizi di respirazione, che permettono di rilassarsi e calmare il corpo anche nei momenti di maggiore ansia e agitazione. Combinando asana e pranayama si riesce a controllare corpo e mente e ad essere più consapevoli di se stessi nella vita di tutti i giorni.

Gli esercizi di pranayama sono particolarmente importanti per migliorare la concentrazione perché utilizzando il respiro nel modo giusto è possibile rilassare la mente e svuotarla dai pensieri che ci distraggono o ci danno fastidio. Infatti, ritmo del respiro e stato mentale sono collegati tra loro: non a caso quando siamo arrabbiati respiriamo più velocemente mentre quando ci rilassiamo leggendo un libro il nostro respiro rallenta.

 

Migliorare la concentrazione dei bambini con lo yoga

 

Tra scuola, sport, i compiti da fare e le lezioni d’inglese, i bambini si possono sentire sovraccarichi e diventare velocemente irrequieti e scontrosi. 😡

Ecco perché è importante che abbiano almeno 5/10 minuti al giorno per rilassarsi e tornare ad uno stato mentale sereno (lasciargli guardare la tv per un po’ non funziona).

Lo yoga li aiuta su due fronti: il movimento li porta a rilasciare la tensione, migliorando elasticità ed equilibrio, gli esercizi di mindfulness insegnano a controllare il pensiero, indirizzandolo verso determinate aree del corpo.

Prima di iniziare i compiti pomeridiani, proponi a tuo figlio qualche esercizio di yoga e/o respirazione consapevole (ovviamente dovrai presentarlo come un gioco, altrimenti si annoierà ancora prima di iniziare 😅). Non pensare che sia una perdita di tempo, vedrai che grazie a questi esercizi tuo figlio manterrà la concentrazione più a lungo e si distrarrà molto meno.

 

Esercizi di lucidità mentale per grandi e piccoli

 

Gli esercizi di yoga che aiutano la concentrazione sono soprattutto quelli che si basano sull’equilibrio. Mantenere una posizione a lungo richiede un focus continuo e una respirazione regolare.

Ecco alcune posizioni e sequenze adatte a genitori e bambini, da fare anche quando si ha poco tempo e senza nessun tipo di equipaggiamento.

Il saluto al sole ☀️

Il saluto al sole (surya namaskar) è un’antica pratica yoga che, come dice il nome, è ideale da fare appena svegli, per iniziare la giornata al meglio. Si tratta di una sequenza di ben 12 posizioni da eseguire in modo fluido e dinamico, senza pause. 

Svolgere ogni mattina il saluto al sole è un ottimo esercizio di concentrazione e di memoria, infatti, per ricordare i vari movimenti in sequenza occorre essere concentrati e presenti nel momento.

La posizione dell’albero 🌳

La posizione dell’albero richiede grande equilibrio ma può essere praticata sia da adulti che bambini, i quali si divertiranno ad immaginarsi nei panni di un alberello mosso dal vento.

Per eseguire l’asana occorre piegare il ginocchio appoggiando il piede a metà dell’altra gamba e contemporaneamente alzare le braccia al cielo. 🙌

Anche in questo caso, la concentrazione è fondamentale per non perdere l’equilibrio. Se vuoi aggiungere un grado di difficoltà all’esercizio puoi eseguire la posizione ad occhi chiusi.

La posizione del guerriero 3 👺

Per eseguire il guerriero 3, parti da una posizione eretta, allunga le braccia in avanti e una gamba indietro, portando la schiena parallela al pavimento. Come per l’asana dell’albero, più si rimane concentrati sul proprio respiro più a lungo si riesce a tenere la posizione.

Se in famiglia non avete mai praticato yoga, ti consiglio di seguire un corso di yoga online su Youtube o Instagram, ce ne sono davvero tanti anche gratuiti. In questo modo ti approprierai velocemente dei benefici della disciplina e non potrai più farne a meno! 😉

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora