ISTRUZIONE SUPERIORE, TRENDING

Sbocchi lavorativi in ambito digitale (come formarsi)

Capitoli

  1. Lavori digitali più richiesti e lavori che spariranno
  2. Cosa serve per lavorare nel digitale?
  3. Lavori digitali: formarsi all’università
  4. Lavori del futuro senza laurea: studiare da autodidatta 

 

Se c’è una cosa che abbiamo capito negli ultimi due anni è che si può lavorare da casa, se si svolge un lavoro digitale. La seconda cosa, che confermano diversi studi, tra cui quello realizzato nel 2020 dalla Microsoft, è che le professioni del futuro saranno sempre più digitali. 

Per questo è necessario acquisire alcune competenze tecniche e trasversali in ambito IT. In questo articolo vedremo come sta cambiando il mercato del lavoro e dove si possono acquisire le competenze digitali del futuro. L’obiettivo è darti alcuni spunti per supportare i tuoi figli in questa quarta rivoluzione industriale. 

hybrid learning (2)

Lavori digitali più richiesti e lavori che spariranno

 

Quali sono le professioni del futuro? Naturalmente tutte quelle che consentono di lavorare online. Il lavoro digitale, però, è già una realtà che lo scoppio della pandemia da Covid 19 ha semplicemente accelerato per alcune categorie. Pensiamo, per esempio, agli insegnanti che dalla classe fisica hanno dovuto imparare a trasportare l’insegnamento in un’aula virtuale, con non poche difficoltà. 

👉 Secondo Microsoft, entro il 2025 nel mondo verranno creati 150 milioni di lavori digitali, di cui 2 milioni in Italia. L’azienda si focalizza sulle professioni tecniche e prevede che i lavori più richiesti in Italia saranno:

  • Sviluppo di software, da 200 mila a 1,5 milioni di posti di lavoro
  • Area cloud e dati, da circa 55 mila a 344 mila
  • Analisi dei dati, da 41 a 286 mila
  • Sicurezza informatica, da 11 a 85 mila
  • Tutela della privacy da circa 3.700 a oltre 22.500 

Tra i lavori digitali non strettamente tecnici, l’Osservatorio HR del Politecnico di Milano ha individuato un aumento di richiesta nel settore risorse umane e formazione. 

Secondo il World Economic Forum, mentre i lavori digitali sono sempre più richiesti, assistiamo a un altro fenomeno, cioè a quello della riduzione dell’offerta di lavoro per alcuni settori. 

👉 Posti in amministrazione, contabilità, servizio clienti e alcune fabbriche, per esempio, sono già in calo dal 2018.

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico fa in modo che le macchine siano sempre più in grado di sostituirsi alle persone nello svolgimento di alcuni lavori. 

Per ora si tratta per lo più di azioni ripetitive, ma proprio per la loro capacità di apprendere le macchine sono già in grado di svolgere alcuni lavori sofisticati, come tradurre e interpretare testi in più lingue.

👉 Un altro fenomeno particolare e che stiamo vivendo è quello di una differenza tra le competenze che le aziende cercano e le competenze che effettivamente hanno i dipendenti e gli aspiranti candidati.

Questo crea una situazione in cui i datori di lavoro non trovano le competenze digitali che cercano, e chi è in cerca di lavoro ha difficoltà a trovare lavoro.

 

Cosa serve per lavorare nel digitale?

 

Per lavorare nel digitale c’è bisogno di un misto di competenze tecniche e trasversali, a seconda del ruolo che si vuole ricoprire. 

Tra le hard skill più importanti e richieste nel mercato del lavoro c’è la capacità di usare i maggiori linguaggi di programmazione: Java, CSS, HTML, Phyton, PHP e API per le applicazioni mobili. 

Le soft skill digitali riguardano la capacità di usare in sicurezza i dispositivi e produrre diversi tipi di contenuti sfruttando doti come il pensiero critico, la capacità di lavorare in squadra e l’intelligenza emotiva

E ora veniamo al fulcro della questione: dove si possono imparare le competenze per lavorare in ambito digitale?

 

Lavori digitali: formarsi all’università

 

Alcuni ruoli tecnici in ambito IT richiedono espressamente la laurea in scienze informatiche o ingegneria informatica. Vediamo quali studi servono per svolgere i lavori digitali più richiesti: 

Front-end engineer

Questo professionista gestisce l’interfaccia utente dei siti web prestando attenzione al modo in cui l’utente finale usufruisce del servizio. Per lavorare alla programmazione lato client, è fondamentale conoscere i livelli di programmazione HTML, CSS come minimo.

La laurea in ingegneria informatica offre una solida base di partenza, ma il front-end engineer può anche formarsi da solo seguendo corsi specifici.

Back-end engineer

Lo sviluppatore che lavora nel back-end cura la sicurezza, l’affidabilità e la velocità di sistemi e reti informatiche. Per lavorare dal lato server è importante scrivere il codice di programmazione. Questo lavoro è fondamentale, tra le altre cose, per gestire siti web che cambiano in continuazione. Anche in questo caso una solida preparazione universitaria è indispensabile. 

Da soli si possono imparare altri linguaggi di programmazione e fare esperienza pratica.

Data analyst

L’analista dei dati si occupa di trasformare l’ingente quantità di dati che gli utenti della rete lasciano, in strumenti per migliorare i prodotti e i servizi offerti dalle aziende. La sua formazione è piuttosto variegata, perché non deve solo conoscere la matematica, ma anche l’informatica applicata alle scienze sociali, come l’economia.

Per diventare analista dei dati si può prendere la laurea in matematica, fisica, statistica, informatica, economia. 

Digital marketing

Un esperto di marketing digitale sa come sfruttare internet per raggiungere i potenziali clienti di un’azienda e trasformarli in clienti. Alcune università private promuovono corsi di laurea in Digital marketing, ma si possono trovare alcuni corsi nelle migliori facoltà di economia e scienze della comunicazione.

 

Lavori del futuro senza laurea: studiare da autodidatta 

 

In questo periodo di transizione digitale, non sempre è facile trovare un corso di studi universitario che offra le competenze richieste dal mercato del lavoro. Per questo, il consiglio migliore che puoi dare a tuo figlio è quello di cercare di formarsi anche da solo. Su siti internazionali come Edex, Coursera, Federica si possono trovare corsi online gratuiti su tutte le competenze digitali tecniche o trasversali. Questi sono alcuni esempi di lavori digitali dove non necessariamente è richiesta la laurea.

Esperto di sicurezza informatica

L’esperto di sicurezza informatica protegge gli strumenti informatici aziendali da attacchi volontari o involontari interni o esterni. Il suo ruolo è cruciale non solo dal punto di vista tecnico e informatico, ma anche perché ha delle ricadute sulla reputazione dell’azienda all’esterno (in caso di attacco informatico) e sul lavoro di squadra all’interno.

Il corso di laurea in cybersicurezza non c’è, ma ci sono diverse certificazioni del settore che possono aiutare a trovare lavoro in questo ambito.

Specialista dell’apprendimento digitale

Con il lavoro e la didattica a distanza, non poteva mancare anche la formazione da remoto. Le aziende che vogliono formare il proprio personale si affidano a professionisti dell’e-learning per creare e gestire percorsi di apprendimento digitali: videolezioni, webinar, quiz interattivi, simulazioni con la realtà virtuale, sono alcuni esempi di formazione online.

Non esiste una laurea in eLearning, per cui chi si occupa di formazione a distanza ha un misto di competenze in pedagogia, uso degli strumenti digitali per la didattica a distanza, come Google Classroom, gli strumenti per creare video corsi o le piattaforme LMS (learning management system) per la gestione di progetti didattici multimediali.

Comunicazione digitale

Email, blog, video, newsletter, social media sono tutti i canali usati dalle aziende per parlare con i potenziali clienti. Nell’ambito della comunicazione digitale servono diversi tipi di figure:

  • Content writer, il vecchio redattore web sa come creare piani editoriali, scrivere contenuti per tutti i canali, dal blog ai social media, per parlare con un certo pubblico
  • Brand specialist, è la figura che cura l’immagine di un’azienda trovando una strategia adatta per coinvolgere i clienti. Ha bisogno di competenze di marketing e comunicazione spiccate
  • SEO specialist, aiuta professionisti e aziende a migliorare il loro posizionamento sui motori di ricerca, per generare traffico sul sito web. Analisi dei dati e gestione degli strumenti di ottimizzazione sono fondamentali

Per queste figure potrebbe servire una laurea in lettere, lingue, giornalismo, comunicazione o qualunque altro ambito umanistico. In realtà, ciò che conta di più è la capacità di comunicare e aiutare le aziende a raggiungere i propri obiettivi promozionali e di vendita.

Capire come sta andando e come si evolverà il mercato del lavoro è molto importante per sapere anche come orientare i tuoi ragazzi nella scelta delle scuole superiori o verso le migliori università italiane o un istituto tecnico superiore

👉 La cosa migliore che puoi fare per loro, però, è stimolarli a cercare di costruirsi un bagaglio di conoscenze che li renda degli specialisti in un certo ambito formandosi anche da soli in modalità autodidatta.

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora