ALTRI CONSIGLI

Le più comuni allergie nei bambini e come riconoscerle

Capitoli

  1. Allergie respiratorie nei bambini 
  2. Sintomi delle allergie respiratorie 
  3. Consigli per vivere con un bambino allergico
  4. Allergie alimentari nei bambini 
  5. Sintomi legati alle allergie alimentari nei bambini
  6. Le allergie crociate
  7. Allergie alimentari nei bambini: cosa fare

 

Le allergie nei bambini sono abbastanza comuni. Circa l’8% dei bambini, per esempio, ha un’allergia alimentare. Alcune allergie si risolvono con la crescita, 😊 altre invece continuano nella vita adulta. I bambini, come gli adulti, possono essere allergici ad allergeni presenti nell’aria, ad alcuni alimenti, ai farmaci o alle punture di insetto. In questo articolo vediamo quali sono le principali allergie respiratorie e alimentari nei bambini, quali i sintomi più comuni e quali accorgimenti possono migliorare la vita del bambino allergico. 

allergia-bambini-sintomi

Allergie respiratorie nei bambini

 

Prima di tutto, cosa sono le allergie? Detto in parole semplici, l’allergia è una reazione esagerata del sistema immunitario a una sostanza che di per sé non è pericolosa. Le allergie possono essere scatenate da allergeni presenti nell’aria o negli alimenti. 

I più comuni allergeni trasportati dall’aria (aeroallergeni) sono i pollini 🌼🌿, le muffe e gli acari della polvere. I pollini sono generalmente all’esterno, le muffe invece possono svilupparsi anche in casa, in ambienti poco aerati e in certe condizioni di temperatura e umidità (per esempio cantine, spogliatoi di piscina). Gli acari della polvere possono essere ovunque, ma soprattutto nei materassi, cuscini, tappeti, imbottiture. Il clima caldo umido favorisce la loro riproduzione. 

 

Sintomi delle allergie respiratorie 

 

Puoi capire se tuo figlio è allergico a pollini, muffe o acari della polvere se noti uno o più di questi sintomi:

  • Rinite allergica: naso che cola, prurito, starnuti, naso chiuso. Anche occhi rossi e lacrimazione. In alcuni casi, un sintomo dell’allergia può essere anche un’infezione alle orecchie 👂 
  • Asma allergica: è un’infiammazione dei bronchi causata da una reazione allergica e provoca broncospasmi ( i bronchi che si restringono) con difficoltà di respirare e tosse secca
  • Congiuntivite allergica: occhi rossi, lacrimazione e prurito agli occhi possono essere i sintomi dell’allergia a pollini, muffe o acari della polvere

Se noti uno o più di questi sintomi in tuo figlio, potrebbe trattarsi di un’allergia. Rivolgiti al dottore per un test allergologico. In questa guida alle allergie nei bambini ✅ dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma trovi altre informazioni dettagliate sulle allergie nei bambini.

 

Consigli per vivere con un bambino allergico

 

I bambini allergici devono imparare a convivere con l’allergia e con i suoi sintomi. Importante spiegare fin da piccoli i comportamenti da evitare per rendere i bambini autonomi e perché sappiano evitare situazioni pericolose. 👌

Ecco alcuni accorgimenti da tenere presente per migliorare la vita di un bambino allergico. Per le allergie ai pollini, puoi tenere sotto controllo il calendario dei pollini, 🤓 che indica i periodi in cui i diversi tipi di polline sono più presenti nell’aria. Questo ti può aiutare ad evitare di uscire nei periodi più a rischio o adeguare la terapia. 

Per gli acari puoi fare molto a casa per limitare i sintomi delle allergie nel bambino. A partire dall’arredamento: evita tutte le superfici dove la polvere si può raccogliere facilmente (per esempio librerie aperte, letti con cassetti o contenitore sotto), anche tappeti, tende e pupazzi di peluche 🐻 diventano ricettacoli di polvere. Usa copricuscini e coprimaterasso antiacaro, pulisci e arieggia spesso gli ambienti, mantieni la temperatura tra 18 e 20 gradi. Pulisci spesso i filtri dei condizionatori e non fumare: il fumo peggiora lo stato delle mucose e delle vie respiratorie dei bambini allergici. 

 

Allergie alimentari nei bambini 

 

Anche le allergie alimentari sono reazioni esagerate del sistema immunitario che produce anticorpi quando viene a contatto con un certo cibo. O meglio con alcune proteine presenti nel cibo. Da non confondere con le intolleranze: 🤓 nelle intolleranze non entra in gioco il sistema immunitario ma solo una difficoltà di digerire o metabolizzare certe sostanze.

I più comuni alimenti che possono provocare allergie nei bambini sono: 

  • Latte vaccino 🐄
  • Soia
  • Uova 
  • Grano 
  • Arachidi
  • Frutta secca
  • Pesce e crostacei 

Ma i bambini possono essere allergici a qualsiasi cibo: fragole 🍓, pesche e anche i legumi per esempio possono generare allergia nei bambini. Gli unici alimenti che non possono dare allergia sono acqua sale e zucchero, che non contengono proteine. 

Nella maggior parte dei casi le allergie dei bambini a latte, soia e uova si superano entro i 3 anni, mentre le allergie ad arachidi, frutta secca, crostacei e pesce continuano nell’età adulta. Importante anche sapere che i bambini possono avere una reazione allergica anche senza mangiare il cibo, se le proteine vengono trasportate dal vapore durante la cottura. 🍳

 

Sintomi legati alle allergie alimentari nei bambini

 

I sintomi dell’allergia alimentare compaiono in genere subito dopo aver mangiato un certo alimento o al massimo entro due ore. I più comuni sintomi delle allergie alimentari nei bambini sono: 

  • Prurito generalizzato ( o alle mani, piedi e gola)
  • Orticaria (pomfi rilevati rossi e che danno prurito)
  • Rinite 👃
  • Congiuntivite
  • Difficoltà a respirare, afanno, respiro sibilante, 
  • Dolori addominali 
  • Vomito diarrea

Nei casi più gravi, l’allergia più causare shock anafilattico. Le intolleranze alimentari invece non possono causare shock anafilattico. I sintomi delle intolleranze sono dolori addominali, meteorismo e diarrea. In alcuni casi anche mal di testa, vertigini, disturbi del sonno e della memoria. 

 

Le allergie crociate

 

Le allergie crociate sono allergie respiratorie e alimentari che sono in qualche modo collegate. Per esempio, il 70% degli allergici al polline sono anche allergici ad alcuni alimenti. L’allergia ai pollini della betulla, è collegata all’allergia a pesca e melone che contengono frammenti di proteine simili, mentre quella alla parietaria è collegata a pistacchi ciliegie 🍒 e basilico. 

I sintomi delle allergie crociate sono in genere prurito o orticaria nella zona della bocca. 

 

Allergie alimentari nei bambini: cosa fare 

 

Per le allergie dei bambini, l’unica cosa da fare è eliminare dalla dieta gli alimenti allergizzanti. I bambini devono imparare fin da piccoli quali sono gli alimenti ai quali sono allergici e devono imparare a proteggersi. Per esempio, è importante insegnare ai bambini a leggere le etichette degli alimenti, perché alcune sostanze allergizzanti (come latte, uova o frutta secca per esempio) si trovarsi in moltissimi cibi. 

In casa, meglio conservare i cibi allergizzanti in un posto separato, indicare con un pennarello i cibi che possono causare allergia ❌ e usare utensili diversi per cucinare i cibi per il bambino allergico. Meglio evitare sempre i mestoli in legno, che trattengono le sostanze. 

Se ti interessa il tema alimentazione e bambini, leggi il nostro articolo sulle merende sane per bambini e sui 7 passi per insegnare ai bambini a mangiare sano

Prenota una sessione di ripetizioni private gratuita

Prenota ora