ESSERE GENITORI, DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Mio figlio è un bullo: ecco cosa puoi fare

Capitoli

  1. Vittima o carnefice: chi è il vero bullo
  2. Come riconoscere i bimbi bulli?
  3. Come affrontare i bulli in famiglia
  4. Sconfiggi il bullismo di tuo figlio

 

Il bullismo non riguarda sempre gli altri: a volte, il bullo può essere nostro figlio. E quasi sempre, la notizia ci coglie impreparati. Come accorgersi se il proprio figlio è un bullo? Cosa fare per aiutarlo?

 

Mio figlio è un bullo aggressione

 

Vittima o carnefice: chi è il vero bullo

Siamo ormai tutti molto sensibili al tema del bullismo. Leggiamo decine di articoli di cronaca, vigiliamo sui nostri figli e gli insegniamo come difendersi da episodi di bullismo. Ma c’è un’eventualità per la quale forse siamo ancora poco pronti: che il bullo in questione sia nostro figlio. 👊

 

Ammettilo, non ci avevi mai pensato. Ed è normale: siamo istintivamente protettivi con i nostri figli, al punto che ci diventa difficile metterne in discussione atteggiamenti e comportamenti. La notizia che nostro figlio sia un bullo può avere allora l’effetto di una doccia scozzese!

 

Ma come ci teniamo a sottolineare sempre, c’è una soluzione per tutto. 💡 Anche per il bullismo di tuo figlio. Questo articolo nasce con questo scopo: darti consigli e suggerimenti per affrontare al meglio una situazione che può essere stressante e difficile.

 

Come riconoscere i bimbi bulli?

Ti hanno chiamato da scuola e ti hanno informato circa episodi di bullismo che hanno visto tuo figlio protagonista? Non è una buona notizia, certo, ma è un punto di partenza. Ma se quello che tuo figlio sia un bullo è solo un sospetto, come puoi trovarne conferma?

 

Non ti sto esortando a trasformarti in Sherlock Holmes 🔍 né tantomeno a violare la privacy di tuo figlio. Semplicemente, ecco dei consigli per aprire gli occhi nella maniera giusta!

 

Ha difficoltà relazionali e non sa discutere 😠

Le relazioni umane comportano il conflitto. Questo è un dato di fatto a cui bambini, ragazzi e adulti si devono rassegnare: la conflittualità fa parte della nostra vita, bisogna imparare sin da piccoli a viverla positivamente. Se tuo figlio non sa discutere o litigare e tende a uscire dalla discussione o a risolvere i conflitti con la forza (fisica o verbale), consideralo un campanello d’allarme.

 

Fa scherzi e battute pesanti 😢

Si dice che lo scherzo sia bello finché dura poco. Ma anche finché non offende o ferisce qualcuno: adulti, bambini, sconosciuti, animali. Se tuo figlio è pesante e offensivo con battute e scherzi che prendono di mira le diversità degli altri, non va bene; nemmeno se lo fa davanti alla televisione o nei confronti di perfetti sconosciuti.

 

E’ manesco (anche con fratelli o sorelle) 👐

Non si dovrebbero mai alzare le mani, neanche per gioco. E nemmeno tra fratelli o sorelle. Certo, i capelli tra fratelli ce li siamo tirati tutti da piccoli, ma bisogna distinguere i comportamenti in base all’età e al contesto: un bambino o ragazzo che si arrabbia spesso e ricorre regolarmente alle mani ha bisogno di aiuto.

 

Cerca l’attenzione del gruppo 👀

Il bullo ha bisogno il suo pubblico, rappresentato dal gruppo che lo spalleggia e che si diverte ad assistere alle sue azioni. Un conto è la socialità, un conto è la “gang” di coetanei che regge il gioco a chi commette azioni di sopruso nei confronti di vittime designate.

 

Come affrontare i bulli in famiglia

Sei alle prese con un bullo in famiglia? Non è una bella situazione, ma c’è molto che puoi fare tu come genitore per aiutare tuo figlio e collaborare con la scuola. 💪

 

Già, la scuola: il contesto in cui si sviluppano la maggior parte degli episodi di bullismo è quello scolastico, tanto che è nata anche un’associazione specializzata in bullismo a scuola.

 

Ecco cosa puoi fare per aiutare tuo figlio bullo:

 

👂 Ascoltare

Il bullo non ha meno problemi della vittima, sono semplicemente diversi. Dunque anche lui ha bisogno di essere ascoltato: comprendi le sue motivazioni, senza giustificare. Ti aiuterà a capire i motivi del suo comportamento e, dunque, a intervenire su di essi.

 

👥 Confrontarsi

Sfrutta la rete sociale: parla con gli altri genitori, cerca di capire le dinamiche dell’eventuale gruppo, raccogli informazioni su tuo figlio che non provengano da lui.

 

💬 Spiegare

Come si sentono le vittime di tuo figlio? Mostraglielo. Fagli vedere dei video, ne trovi a bizzeffe su YouTube. Sensibilizzalo sui sentimenti della vittima, spiegagli bene le conseguenze dei suoi gesti. Aiutalo a sviluppare empatia.

 

👪 Essere di esempio

I figli ci guardano, sempre. E ci emulano. Dunque se vedi atteggiamenti sbagliati in tuo figlio, chiediti se come genitore gli stai dando l’esempio corretto. Come si discute in casa? Come si risolvono i conflitti? Come si tratta chi è diverso da noi?

 

🏆 Fornire nuovi obiettivi

Progettualità e obiettivi: tuo figlio ha bisogno di impegnarsi in qualcosa che lo faccia sentire capace e forte, in maniera positiva. Impegna il suo tempo libero con uno sport o un’attività che sia in grado di coinvolgerlo.

 

🎉 Premiare i comportamenti corretti

La strada giusta deve essere ben marcata: quando si comporta bene, non mancare di lodarlo. Premialo per i comportamenti positivi, sarà incentivato a riproporli.

 

Sconfiggi il bullismo di tuo figlio

Come hai visto ci sono molte cose che puoi fare attivamente come genitore. Un ultimo consiglio che mi sento di darti è quello di tenere d’occhio il suo rendimento scolastico: spesso brutti voti e difficoltà a scuola - anche a livello comportamentale - aumentano il rischio di comportamenti aggressivi e da bullo, oltre che di abitudini disfunzionali. 🚬

 

Ci sono decine di buone ragioni per andar bene a scuola, a prescindere dai bei voti: l’apprendimento è anche, o soprattutto, scuola di vita! Se hai bisogno di un aiuto per il rendimento scolastico di tuo figlio, GoStudent ti offre un sistema innovativo e pratico: prenota una lezione di prova e testa in prima persona la rivoluzione delle ripetizioni!

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora