RECENSIONI GOSTUDENT, STORIE

Rientro a scuola Chiara Maci

I primi inizi sono sempre eccitanti e un po’ spaventosi, soprattutto per i più piccoli. Le maestre, i compagni, i giochi, ma anche i compiti, le incertezze e le verifiche. Chiara Maci ci racconta l’esperienza del rientro a scuola di sua figlia Bianca e condivide con noi i suoi pensieri in merito alle ripetizioni GoStudent.

 

La terza elementare. E’ iniziata questa settimana la scuola e Bianca, 7 anni, ha varcato la soglia della classe con il suo zaino pieno di libri, matite, quaderni.

E penne, per la prima volta. Penne NON cancellabili.

Dovete sapere che il tema “penne” è stato l’argomento della nostra estate. L’incubo del non scrivere più con la matita. L’incubo dell’errore. La non ‘cancellabilità’ di quello che si scrive. Qualcosa che comunica in modo definitivo l’errore, ai suoi occhi e agli occhi delle maestre.

Mamma ma se sbaglio, non posso cancellare!”.

Amore, imparerai con il tempo a sbagliare sempre meno”.

Ma tanto le mie parole sono le parole di una mamma, una che ha vissuto “altri tempi”, una che non capisce le nuove generazioni. Lo era mia madre per me e lo sono io per Bianca. Semplicemente una mamma.

E invece la scuola, le emozioni del primo giorno, i compagni di classe, le ansie pre-interrogazione, le bugie sui voti, chi li dimentica? Ci siamo passati tutti e devo dire che amo rivivere con Bianca queste sensazioni. Con una leggerezza diversa ma dando sempre importanza anche ai suoi piccoli problemi. Perché sono anni di “prime volte” e portano con sé momenti indimenticabili.

Abbiamo avuto la classica estate piena di “compiti” (non tanto per la quantità ma per la lentezza con cui li facevamo…)  e l’ho seguita molto sulla scrittura, sulle tabelline, sugli esercizi per le prove Invalsi.

Ogni tanto i miei nipoti, più grandi, le davano qualche consiglio ma finiva sempre per decidere lei come studiare e come organizzarsi i compiti.

A volte mi diceva “io sono ancora piccola” e io le rispondevo che questi sono gli anni in cui mettere le basi per lo studio. Che poi tutto sarà diverso, negli anni successivi, ma questi sono gli anni in cui bisogna imparare a scrivere bene, a leggere bene, a memorizzare le prime poesie e le prime tabelline.

Da quando ho conosciuto GoStudent però non sono più preoccupata. So che se Bianca avrà bisogno di aiuto ci saranno tantissimi tutor preparatissimi e pronti a darle una mano in tutte le materie. 

Basta mettersi in contatto con GoStudent e richiedere una prima lezione di prova gratuita. 

Gli esperti di educazione di GoStudent sono davvero una garanzia: ascoltano le tue esigenze di genitore e quelle di tuo figlio e trovano sempre il tutor più adatto.

I piani di studio sono realizzati “su misura” in base alle necessità dello studente e la programmazione, così come la frequenza delle lezioni sono totalmente flessibili. 

GoStudent è davvero un servizio utilissimo, soprattutto in questi anni in cui il digitale è diventato un aiuto enorme per i genitori. 

Le sessioni sono frontali, super interattive e si svolgono online. Questo significa che noi genitori non dobbiamo più fare i salti mortali per accompagnare i figli dall’altra parte della città. Pensare di non dover più uscire di casa per portare i figli “a ripetizione”, ma poter usufruire di un servizio “tailor made” è qualcosa di incredibile. Basta scegliere l'insegnante e prenotare la lezione direttamente dalla piattaforma GoStudent. Trovandosi a casa propria, capita anche che lo studente si trovi più a proprio agio e così si dedichi meglio alla lezione. 

GoStudent è davvero un grande alleato, non solo per i nostri ragazzi, ma anche per noi genitori. Voi l’avete mai provato?

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora