TEMPO LIBERO

Viaggiare con bambini piccoli: consigli essenziali per le vacanze in famiglia

Capitoli

  1. Viaggiare con bambini piccoli: fare le valigie 
  2. Vacanza con bambini piccoli al mare: dove e come
  3. Viaggiare in treno con bambini piccoli: 7 consigli utili

Viaggiare con i bambini piccoli? Si può fare! 😀 Devi sapere come farlo, pianificare per tempo, organizzarti, informarti. E – perché no? – prendere esempio da quelle famiglie, soprattutto del Nord Europa, che viaggiano senza problemi con bambini anche neonati.

Il viaggio on the road rappresenta forse una scelta un po’ estrema, in cui puoi riconoscerti se prima di essere genitore sei stato un viaggiatore intraprendente. Ma senza arrivare agli estremi, organizzare delle vacanze con i bambini anche con un pizzico di avventura è un’esperienza senz’altro consigliabile. Ecco i nostri consigli per organizzare una vacanza con i bambini piccoli.

travel-child-2

Ha senso viaggiare con i bambini piccoli?

 

“Sono così piccoli, non ricorderanno niente del viaggio. Non vale la pena”. Prima di tutto smontiamo queste obiezioni comuni rispetto ai viaggi con i bambini piccoli. Viaggiare con bambini, di qualsiasi età, offre ai genitori la possibilità di sperimentarsi nella relazione col bambino al di fuori della quotidianità e delle pressioni esterne. Rinsalda i legami bambino-genitore, crea un tempo per stare insieme e fabbricare dei ricordi. 😍 Ai bambini offre un’occasione di crescita, di stimolo intuitivo e naturale delle competenze, ed è una preziosa opportunità di apprendimento incidentale

Il viaggio e le vacanze, fin da piccoli, aiutano i bambini a:

  • Diventare più adattabili e flessibili
  • Capire che siamo tutti uguali, anche se possiamo sembrare diversi
  • Stimolare il senso di responsabilità
  • Accendere la curiosità, lo spirito di avventura, l’interesse per il mondo

Il viaggio è lo strumento migliore per aiutare i bambini ad acquisire una prospettiva interculturale. Quindi, non è mai troppo presto per cominciare a viaggiare e scoprire insieme il mondo. Cercando di mantenere, nel caso dei più piccoli, la routine degli orari di pappa e nanna ai quali il bambino è abituato. I bambini piccoli hanno bisogno della routine per sentirsi al sicuro e protetti. 🧡

 

Viaggiare con i bambini piccoli: fare le valigie 

 

Cominciamo dalle basi. La prima difficoltà di qualsiasi genitore che si prepari a un viaggio, che sia un intercontinentale con un neonato, o un week-end in Italia con i bambini è decidere cosa mettere in valigia. 🤔 Gestire l’eterno dilemma fra prendere tutto ciò che potrebbe essere necessario per gestire un bambino di uno o due anni e le ovvie necessità di spazio (e di costo, nel caso per esempio dei biglietti aerei). 

Puoi evitare di portare con te passeggino, seggiolone, vaschetta per il bagnetto, fasciatoio, e tutto il resto delle cose che in genere usi per il bambino scegliendo un family hotel: troverai in camera tutto quello di cui hai bisogno. Oppure puoi informarti sulla possibilità di noleggiare carrozzina e altro nel corso del viaggio. Sì, esistono servizi di noleggio di questo tipo. 

Di seguito, una guida basilare alla preparazione del bagaglio per viaggiare con bambini piccoli.

I vestiti 

Dotazione ideale per un neonato, ma anche per un bambino di uno o due anni che si sporca in continuazione e che è soggetto a fuoriuscite dal pannolino, rigurgiti e altri inconvenienti: due cambi al giorno moltiplicato per tutti i giorni in cui non sei sicuro di poter fare una lavatrice. 👕 E un pigiama ogni due giorni. Quindi se sai che non potrai lavare nulla per quattro giorni, prendi 8 cambi da giorno e 2 pigiamini. Sembra molto, ma è esattamente quello che ti servirà.

Pannolini, salviette e crema per le irritazioni 

Un must, sia che tu stia volando dall'altra parte del mondo con il tuo bambino o che stia partendo per un weekend. Qui il fattore discriminante è la tua destinazione: ci sono negozi per fare rifornimento o no? Se sì, prendi con te una dotazione da tre o quattro giorni. Se no (e a volte i prodotti per bambino non si trovano neanche in aeroporto) ti servirà uno stock per tutto il viaggio.

Giocattoli e passatempo

In questo caso dividi la tua dotazione fra il bagaglio generale (per tutto il viaggio o soggiorno) e la tua borsa (quello che ti servirà per intrattenere un po’ il bambino durante gli spostamenti). Metti in borsa e in valigia libri tattili, libri pop-up, storie da leggere. Potresti magari comprare un nuovo gioco da viaggio, adatto ai bambini piccoli, da tirare fuori al momento giusto. 😁 E poi naturalmente i giocattoli, peluche o gli altri oggetti transizionali a cui il tuo bambino è abituato, che lo confortano e lo rassicurano. 

Un marsupio o una fascia 

Anche se abitualmente non lo usi, durante un viaggio con i bambini piccoli il marsupio o la fascia sono una grande alternativa al passeggino tradizionale. Soprattutto quando visiti posti con terreno irregolare, devi salire scale o anche quando il bambino ha bisogno di essere rassicurato con il contatto stretto. Se non sei abituato, prova il marsupio o la fascia qualche volta prima di partire, per abituare anche il bambino. 

Letto da viaggio e copertina

Se vai in campeggio, se vai in una casa un po’ di fortuna, se non sei abituato a dormire con il tuo bambino. Ma se hai necessità di viaggiare leggero, il co-sleeping non è quello spauracchio pauroso e diseducativo che molti credono. Quindi, soprattutto per i brevi viaggi con bambini piccoli, perché no? Qui quello che c’è da sapere sul dormire con il neonato nel lettone.

Vasino?

Se tuo figlio ha imparato da poco a usare il vasino, meglio portarlo con voi in viaggio. In viaggio i bambini devono abituarsi a molti cambiamenti e un vasino diverso può essere un problema. Meglio andare sul sicuro. 

Dotazione essenziale 

Tagliaunghie, termometro per bambini, kit di pronto soccorso da viaggio (è più facile comprarne uno bello e pronto e integrarlo con quello che serve specificamente a te e al tuo bambino), due tazze con manici (nel caso si rompano, si perdano o tu non possa lavarli). E naturalmente, se il tuo bambino li usa, ciucci. Se allattato al seno, tutto diventa più semplice. Altrimenti dovrai naturalmente portare biberon e/o scaldapappa.

Importante: ricorda di portare con te le informazioni sulle vaccinazioni effettuate da tuo figlio. ✅ Se dovessi aver bisogno di un consulto medico o di un ingresso in pronto soccorso, anche per una piccola caduta, è importante che i medici sappiano quali vaccinazioni il bambino ha già effettuato.

 

Vacanze con bambini piccoli al mare, dove e come

 

L’alternativa al viaggio, quella comoda, la prima cosa che ti viene in mente se pensi alle vacanze d’agosto con bambini piccoli: il mare. 💦 Una vera cura di salute per la pelle, le vie aeree, la socialità, il movimento. Una destinazione ideale, e di certo non solo d’agosto, ma da scegliere con qualche precauzione, soprattutto se stai organizzando le tue vacanze con bambini piccoli.

Scegli spiagge molto ventilate, con un retroterra ricco di vegetazione, per “spezzare” la giornata e portare di tanto in tanto il bambino un po’ al fresco. Magari per un pisolino all’ombra. Per questo sono ideali le spiagge della Toscana, dell’alto Lazio, di Lerici, Senigallia, Marina di Pescoluse in Puglia… Se hai bisogno di qualche idea per una destinazione adatta alla vacanza al mare con i bambini in Italia puoi cercare le spiagge che hanno ottenuto la bandiera verde dei pediatri perché adatte ai bambini piccoli. ✅

L’Italia è ricchissima di destinazioni adatte ai bambini, basta che rispondano alla tua checklist a prova di piccoli:

  • Ventilazione 
  • Retroterra di vegetazione
  • Sabbia fine
  • Fondali bassi
  • Servizi essenziali nelle vicinanze

Ricorda che fino agli 8-9 anni i bambini sono più soggetti alla disidratazione e ai colpi di calore. Naturalmente, è importante evitare la spiaggia dalle 11 alle 16 e ricordare che i bambini devono avere la testa sempre coperta da un cappellino o una bandana e devono bere spesso. 👌 Un buon accorgimento, quando si è in vacanza al mare con i bambini piccoli, è quello di farli abituare gradualmente all’esposizione solare. Comincia esponendo le mani e i piedi poi braccia e gambe, per ultimo pancia e dorso.

Infine, la cosa più importante: la protezione solare, a fattore altissimo e resistente all’acqua, da applicare più volte durante la giornata. Una volta prese tutte le precauzioni, divertiti e rilassatevi. Il mare è un’occasione meravigliosa per insegnare ai bambini ad amare la natura.

 

Viaggiare in treno con bambini piccoli: 7 consigli utili

 

Viaggiare in treno con bambini piccoli può essere la soluzione ideale per coprire distanze medio-lunghe, per esempio per andare a visitare uno dei tanti parchi avventura per bambini in Italia: meglio di un viaggio in auto con un bambino legato nel seggiolino e di solito meno costoso di un viaggio in aereo. Ma anche questo mezzo di trasporto richiede un po’ di organizzazione e le giuste attenzioni. Ecco 7 consigli utili per un viaggio in treno con i bambini piccoli.

Non viaggiare in orari/ giorni affollati: ❌ scegli gli orari e le date in cui il treno è meno affollato. Questo significa più spazio per giocare, correre, muoversi.

Prenota in anticipo: oltre al fatto che prenotando in anticipo potrai ottenere un prezzo migliore, potresti assicurarti un posto con il tavolino davanti, per giocare, appoggiare le bibite, merende, tablet. Cosa che può fare la differenza in caso di un lungo viaggio in treno con i bambini.

Porta dei diversivi: molti diversivi. Il tuo bambino si divertirà a guardare fuori dal finestrino per qualche minuto o due. Quindi porta giocattoli 🦕 e libri, proprio come faresti quando viaggi con i bambini con qualsiasi altro mezzo di trasporto.

Muoviti il più possibile: insieme al tuo bambino fate lunghe passeggiate, lungo il corridoio del treno, vagone dopo vagone. per farlo sfogare e sgranchire un po'.

Allenta un po’ le regole: come per tutti gli altri viaggi con bambini, questo non è il momento di attenersi troppo strettamente alle abituali regole sul cibo o su video. 😊 Un dolcetto o due aiutano a passare il tempo e un cartone sul tablet può essere una manna dal cielo quando, dopo tre ore di viaggio, avete tutti bisogno di una pausa.

Non contare sulla carrozza ristorante: potrebbe non esserci, e anche se ci fosse il cibo disponibile potrebbe non essere adatto a tuo figlio di tre anni. Quindi, proprio come faresti quando viaggi con un bambino in macchina o in aereo, porta i suoi spuntini o le bevande preferite.

Trasforma i sedili in lettini: ci sono bambini che si addormentano ovunque e in qualsiasi condizione, e altri che vanno un po’ aiutati. Più i sedili del treno diventano simili al lettino abituale e più è probabile che il bambino si addormenti. Porta un cuscino e la sua coperta. Cerca di riprodurre la routine della nanna di tuo figlio, che sia una canzone, una storia, un massaggio. ✅

Sei pronto a partire? Qui trovi tante idee per una vacanza con bambini in Italia con pizzico di avventura, adatte anche ai viaggi con bambini piccoli. 

Prenota una sessione di ripetizioni private gratuita

Prenota ora