LINGUE STRANIERE, TREND EDUCATIVI

Usare le flashcards per imparare l’inglese (e non solo!)

 

Arriva per tutti i genitori il momento della fatidica domanda: “Mamma mi aiuti a preparare le flashcards?” 🃏


È importante quindi arrivarci preparati! Ma soprattutto, è importante sapere cosa sono le flashcards e come possono aiutare i nostri figli ad imparare le lingue straniere, l’inglese soprattutto.

Non tutti i bambini nascono con un amore innato per la lingua inglese, né con un talento per l’apprendimento di questa lingua, non sempre di facile padronanza nemmeno per gli adulti. È un dato di fatto, però, che l’inglese serve e servirà sempre di più: già oggi chi non conosce l’inglese rimane tagliato fuori da una fetta di conoscenza (e di possibilità).

 

Ma come fare se nostro figlio proprio l’inglese non lo digerisce? Personalmente mi sono trovata proprio in questa situazione: mia figlia ha “lottato” contro l’inglese sin dalla scuola dell’infanzia 🙅

Fortunatamente alla scuola primaria l’insegnamento della lingua si è avvalso di una bravissima insegnante madrelingua che da subito ha utilizzato le flashcards per aiutare i bambini a costruirsi un vocabolario ricco. I progressi sono stati tanti e veloci e, come è logico che sia, con l’arrivo dei primi risultati la motivazione a studiare l’inglese è gradualmente cresciuta.

 

Flashcards rimedio magico per l’inglese? Senza spingerci ad affermare tanto, è importante conoscere questo utile strumento per l’apprendimento di una lingua straniera. Anche perché le flashcards servono anche a tante altre cose e sono validissime alleate per i compiti di memorizzazione! 

Allora prendi carta, forbici e pennarelli e preparati a divertirti creando flashcards assieme a tuo figlio. ✂

usare-flashcards-aprendre

 

Flashcards inglese: cosa sono e come funzionano

 

Prima di entrare nel vivo della creazione - se non ti piace dilettarti in lavoretti manuali ti dico subito che le flashcards si possono anche scaricare da internet e stampare così come sono - facciamo un passo indietro per scoprire cosa sono le flashcards e qual è il principio alla base del loro funzionamento.

 

👉 Cosa sono le flashcards?

In realtà non sono nulla di speciale: dei semplici “cartoncini” di dimensione variabile, con una parola e un’immagine sul fronte e la traduzione della parola sul retro (nel caso delle flashcards per lo studio dell’inglese).

 

👉 A cosa servono le flashcards?

Le flashcards aiutano la memorizzazione dei vocaboli nella lingua straniera facilitando l’associazione tra vocabolo straniero e significato in italiano, anche grazie all’immagine riportata sul fronte.

 

👉 Come funzionano le flashcards?

Alla base della loro efficacia c’è il principio di associazione visiva: una immagine chiara, definita e dai colori vivaci favorisce la memorizzazione del vocabolo associato, grazie all’utilizzo di un “doppio canale” (visivo e semantico).

 

👉 Servono solo per l’apprendimento della lingua inglese?

No. Le flashcards sono un valido aiuto ai fini della memorizzazione e i ragazzi più grandi - ma anche gli adulti - possono servirsene per memorizzare nozioni, date, nomi, concetti, formule e tanto altro. Generalmente gli studenti più grandi le usano senza immagini, ma è utile comunque utilizzare colori diversi per i cartoncini o segni e simboli.

 

👉 Perché aiutano la memorizzazione?

Oltre a ciò che ho già spiegato prima riguardo allo stimolo visivo, le flashcards possono essere usate per memorizzare informazioni tramite la ripetizione spaziata, un metodo che favorisce il ricordo duraturo nel tempo.

 

La curva dell’oblio e come le flashcards ci possono aiutare

 

Bambini o adulti, tutti ci confrontiamo con i medesimi limiti della memoria umana: è una questione fisiologica, siamo programmati per dimenticare! Non è uno scherzo, la nostra mente è strutturata in modo da trattenere solo le informazioni essenziali e fare spazio velocemente in memoria a informazioni nuove e più importanti. Peccato che la nostra mente, da sola, non è sempre in grado di stabilire cosa sia davvero importante 😕

 

Lo psicologo tedesco Hebbinghaus nella seconda metà dell’Ottocento teorizzò la curva dell’oblio: in pratica riuscì a stabilire quanto in fretta dimentichiamo le cose che impariamo. La velocità con cui ci scordiamo di cose appena lette/sentite/viste è sorprendente: dopo un giorno ci ricordiamo l’80% di quanto studiato, dopo tre giorni siamo già al 60% 😱

Per fortuna la curva segue un andamento prevedibile, così che allo stesso Ebbinghaus fu possibile scoprire come “metterci una pezza”.

 

Come fare per trattenere in memoria quanto studiato? Semplice: rivederlo a intervalli regolari. Rivedere il materiale da memorizzare secondo una precisa spaziatura permette di arrivare in breve tempo a una memorizzazione affidabile e completa. 🏆

Il metodo della ripetizione spaziata serve proprio a questo, e attuarlo servendosi delle flashcards è molto semplice. Anche per lo studio di una lingua straniera: rivedere i vocaboli/le frasi oggetto di apprendimento a intervalli regolari, fino ad avvenuta memorizzazione.

 

Flashcards inglese online o realizzate in prima persona?

 

Che differenza c’è tra le flashcards reperite online, stampate e magari colorate, e quelle che possiamo creare da soli a casa? Apparentemente nessuna grande differenze se si eccettua lo stile 🎨

Eppure una differenza c’è, e in alcuni casi può essere sostanziale: il processo creativo richiesto per realizzare le flashcards aiuta esso stesso la memorizzazione del vocabolo/frase.

 

La psicologia cognitiva decenni or sono ha scoperto che una maggiore elaborazione del materiale da memorizzare favorisce un ricordo più sicuro e duraturo: questo significa che qualsiasi azione di personalizzazione del compito è benefica e aiuta lo studente a “imparare meglio”.

Uno schema trovato online sarà magari molto più bello di quello creato da tuo figlio che va in terza elementare, ma per creare quello che a te sembra uno scarabocchio un po’ sconclusionato lui/lei ha impiegato del tempo significativo e ha ragionato sulle informazioni da memorizzare, organizzandole in una gerarchia personale che favorisce anch’essa la memorizzazione. 

 

Lo stesso vale per le flashcards: i disegni delle flashcards inglese online sono probabilmente più belli di quelli che possiamo fare noi, ma un disegno fatto in prima persona, con un dettaglio buffo o personale e colori scelti accuratamente, aiuta tuo figlio a memorizzare il vocabolo più in fretta! 🚀

 

Come creare facilmente flashcards inglese

 

Niente paura dai, in fin dei conti il lavoro duro… tocca ai nostri figli! 😂

Noi dobbiamo limitarci a fornire loro il materiale necessario e supervisionare il tutto. 

Ecco cosa serve per creare flashcards per inglese:

 

🔷 Cartoncino leggero bianco (i fogli da disegno vanno benissimo)

🔷 Righello

🔷 Forbici

🔷 Matita e pennarello nero a punta fine

🔷 Pastelli o pennarelli colorati

 

Vediamo ora come crearle facilmente step by step:

 

✂ Taglia il foglio di cartoncino in tante piccole cards della stessa dimensione. Se parti da un foglio A4, piegalo a metà sul lato lungo, poi di nuovo a metà e poi un’ultima piega ancora: otterrai otto flashcards da ogni foglio

 

📏 Se hai scelto un cartoncino più spesso, usa righello e matita per suddividerlo in parti uguali 

 

🖼 Definisci lo spazio riservato all’immagine e sotto di esso scrivi con il pennarello nero a punta fine la parola o frase che la flashcard deve rappresentare. Non scriverla dopo, o rischierai di non aver più spazio a sufficienza a causa del disegno!

 

𝚨 La scritta deve essere chiara e leggibile: se tuo figlio non se la sente di farla da solo, puoi aiutarlo tu in questo step

 

🖍 Ora tocca a tuo figlio: può fare un disegno preparatorio a matita o disegnare direttamente con pennarelli e pastelli. L’immagine deve essere vivida, chiara e personale: lascia che aggiunga i dettagli che preferisce!

 

🗣 Infine sul retro della card va scritta la traduzione in italiano del vocabolo o della frase. Anche in questo caso, la chiarezza e la leggibilità sono indispensabili

 

🗃 Flashcards pronte! Se vuoi fare un lavoro a regola d’arte, puoi anche plastificare le flashcards per assicurarti che durino più a lungo nel tempo



Come utilizzare le carte, con o senza app per flashcards

 

Bene, ora che tu e tuo figlio avete dato il meglio di voi stessi per la creazione delle flashcards… è importante che non restino in un cassetto! 🗄

Ci sono tanti modi per usare le flashcards per imparare l’inglese. Anche giocando! Memory è uno dei giochi più classici che si possono fare con le flashcards, ma ne esistono tanti altri ed ecco per te un elenco dei giochi per flashcards utili per imparare l’inglese.

 

Questi sono alcuni consigli che posso darti per utilizzare le flashcards assieme a tuo figlio (anche quando trovi scritto sul registro elettronico “ripassare flashcards inglese”!):

 

🎲 Giocate, divertitevi, sperimentate! Lo sapevi che le flashcards possono anche essere usate per giocare a domino? Ogni occasione è buona per imparare giocando, soprattutto se l’inglese è una materia ostica per tuo figlio. Rendere l’apprendimento divertente è una strategia sempre vincente!

 

🗃 Dividi le flashcards in mazzi per individuare quelle più difficili per tuo figlio. L’ideale è dividerle pian piano in due mazzi diversi, spostando in un mazzo tutte le flashcards apprese e lasciando in un altro quelle che ancora dimostra di non ricordare. Potrai così organizzare una sessione di ripetizione solo con le card che ancora non ha memorizzato, potenziando il suo apprendimento!

 

😀 Usatele anche fuori dai momenti di studio. Sono davvero tanti i giochi che si possono organizzare con le flashcards: oltre ai già citati memory e domino, potete anche divertirvi mimando la card e indovinando la parola nascosta, un po’ come a Pictionary! Un momento di divertimento può aiutare tuo figlio a potenziare il suo inglese.

flashcards-app

 

Anki e le altre app per flashcards

 

Hai mai sentito parlare di Anki? Si tratta di un'app molto nota per la memorizzazione tramite flashcards. Te ne parlo solo alla fine perché in realtà è uno strumento utile maggiormente agli studenti più grandi; serve proprio al solo fine di memorizzare efficacemente e risulta più utile per prepararsi a un esame o a un’interrogazione. 🎓

 

L’app in realtà non fa niente di trascendentale ma è molto comoda: ti mostra le flaschards dal lato frontale e ti permette di vedere il retro, con la risposta, premendo un apposito pulsante. La sua marcia in più è data dal fatto che “organizza” lo studio al posto dello studente: è l’app a decidere con quale frequenza mostrare le card, a seconda del feedback che lo studente dà alle singole card durante l’utilizzo dell’app. Sfruttando il principio della ripetizione spaziata che abbiamo visto prima, permette di ridurre i tempi di apprendimento.

 

Una app come questa può essere un validissimo alleato per studenti alle scuole superiori, dunque se tuo figlio rientra in questa categoria puoi scaricare l’app assieme a lui e aiutarlo a prendere confidenza con il suo funzionamento 📱

Le possibilità di personalizzazione sono ottime ma bisogna prenderci un po’ la mano.

 

Flashcards: un’arma in più per lo studio

 

Come avrai capito le flashcards sono un validissimo strumento che può essere usato per facilitare l’apprendimento della lingua inglese e delle lingue straniere in generale. Le difficoltà che i nostri figli possono incontrare nello studio di una lingua straniera possono prenderci in contropiede: cosa fare se non siamo in grado di aiutarli? Contare solo sulla scuola? 🏫

Rimboccarti le maniche e provare a utilizzare assieme a tuo figlio dei metodi divertenti per apprendere le basi della lingua, come le flashcards appunto, è sicuramente una cosa che puoi fare!

Ma puoi anche prenotare una lezione di prova su GoStudent e testare in prima persona quanta differenza può fare avere a disposizione un insegnante dedicato che aiuta tuo figlio a esprimere il suo potenziale.

Insegnanti preparati ed esperti della classe virtuale, oltre che di didattica e apprendimento: questo può fare davvero la differenza, anche per l’apprendimento dell’inglese.. Provare per credere!

 

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora