ALTRI CONSIGLI

Quando il mal di testa nei bambini deve preoccupare?

Capitoli

  1. Cos’è il mal di testa (nei bambini)
  2. Cosa provoca il mal di testa nei bambini
  3. Quando è il caso di preoccuparsi

Qualsiasi malessere di un figlio è in grado di allarmare un genitore, ma nessuno come il mal di testa: quanto soffrono i bambini di mal di testa? Che tipo di mal di testa hanno? E quando è il caso di preoccuparsi?

quando-il-mal-di-testa-deve-preoccupare

Cos'è il mal di testa (nei bambini)

 

Il mal di testa è una condizione piuttosto comune nei bambini piccoli, mentre con l’arrivo dell’adolescenza la sua incidenza si abbassa - e i mal di testa interessano maggiormente le femmine. Ma nonostante sia un disturbo diffuso, se tuo figlio ti ha detto che ha mal di testa e ti sei trovato a fare una ricerca su Google 🔍, sei in buona compagnia.

Un improvviso mal di testa di un figlio è spesso fonte di preoccupazione per i genitori. Innanzitutto perché tutti sappiamo che a volte è il primo sintomo di una condizione che si rivelerà di lì a poco: un virus influenzale, una gastroenterite, un forte raffreddore, un'otite… Sono molte le malattie associate al mal di testa 🤕.

In secondo luogo, non è bello vedere un figlio solitamente vivace e attivo, abbacchiato per un mal di testa; che “colpisce” in maniera simile agli adulti: i bambini accusano un dolore alla testa che può essere o meno unilaterale, pulsante o continuo, che peggiora con l’attività fisica e può essere accompagnato da altri sintomi come nausea, vomito e fastidio per luci o suoni forti.

Si stima che circa il 30% dei bambini tra i 6 e i 10 anni soffra di attacchi di mal di testa. Ciò che i genitori temono di più è che il mal di testa possa diventare un compagno fisso del proprio figlio: non sono pochi i bambini e gli adolescenti che hanno spesso a che fare con questo disturbo, con ricadute negative sulla qualità della vita scolastica e di quella sociale.

Vediamo quindi quali sono le più comuni cause di mal di testa nei bambini e quando invece è il caso di rivolgersi a uno specialista per un approfondimento.

 

Cosa provoca il mal di testa nei bambini

 

Senza entrare troppo nello specifico, si possono individuare alcune principali cause di mal di testa nei bambini 🤯:

  • ansia e tensione emotiva;
  • posture scorrette;
  • masticazione scorretta;
  • fame;
  • attività fisica troppo intensa;
  • carenza di sonno.

Ti stupirà forse sapere che la quasi totalità dei mal di testa nei bambini ha una causa emotiva: proprio così, stress e ansia sono quasi sempre i responsabili degli attacchi di mal di testa. Inoltre, i figli di genitori che soffrono in maniera ricorrente di mal di testa saranno maggiormente predisposti a soffrirne anch’essi. 

Vediamo ora più nello specifico le cause del mal di testa nei bambini e a quale tipo di mal di testa danno luogo.

Stress, ansia, tensione emotiva

Difficoltà a scuola, disagi emotivi dovuti a un ambiente scolastico non ideale, episodi di bullismo, eccessiva pressione per i risultati scolastici, tensioni in famiglia, cambiamenti improvvisi (come un divorzio o la nascita di un fratello/sorella) possono essere la causa alla base di frequenti attacchi di mal di testa. Tutti questi elementi possono scatenare un attacco di cefalea muscolo-tensiva o, più raramente, di emicrania.

Posture e masticazione scorrette

Quante volte hai detto a tuo figlio “stai seduto bene”? Probabilmente… non riusciresti a contarle 😂! Una postura errata può dar luogo a tensioni muscolari che, a loro volta, possono scatenare un attacco di cefalea muscolo-tensiva, che coinvolge spalle, collo e muscoli facciali. Lo stesso dicasi per una masticazione scorretta, ma in questo caso è necessario far valutare la situazione da un dentista, il solo che può capire se le frequenti cefalee possono essere collegate alla masticazione.

Fame e alimentazione errata

Anche un’alimentazione scorretta può essere la causa di un mal di testa ricorrente. Stare troppo a lungo a stomaco vuoto o, al contrario, consumare pasti con quantità eccessive di cibo e, ancora, alimentarsi con cibi che impegnano eccessivamente il corpo nella digestione 🥓 possono favorire l’insorgere del mal di testa.

Attività fisica intensa e carenza di sonno

Bambini che svolgono sforzi fisici molti intensi e che non riescono a riposare a riposare abbastanza o non hanno una routine di sonno regolare sono anch’essi maggiormente soggetti ad attacchi di cefalea. La raccomandazione di dormire almeno 8 ore per notte è quanto mai valida per i bambini, che più sono piccoli più dovrebbero riposare.

 

Quando è il caso di preoccuparsi

 

E’ normale preoccuparsi quando il proprio figlio non sta bene. Ma nel caso del mal di testa ci sono dei campanelli d’allarme piuttosto chiari, che ci permettono di individuare le circostanze nelle quali è meglio evitare il fai da te (o attendere che il mal di testa passi) e recarsi dal medico o in pronto soccorso 🚨.

Mal di testa che non passa

Un attacco di mal di testa può durare ore o qualche giorno (2-3 al massimo). Se persiste oltre questi limiti temporali, meglio rivolgersi al pediatra, che istruirà sul da farsi.

Mal di testa frequenti

Se c’è una predisposizione genetica è normale che il bambino soffra di mal di testa, ma occhio alla loro frequenza: segna su un diario quando si presentano gli attacchi di mal di testa di tuo figlio, se aumentano di frequenza o sono molto ravvicinati, rivolgiti al pediatra.

Mal di testa a seguito di un trauma

Quante botte in testa prendono i bambini! Un po’ di dolore dopo la botta ci sta. Un mal di testa molto forte e persistente a seguito di un trauma (grande o piccolo), deve invece suggerire di rivolgersi al pronto soccorso.

Mal di testa con vomito

Un forte attacco di emicrania può provocare anche nausea e vomito, ma se tuo figlio ha un forte mal di testa e vomito persistente, rivolgiti al pronto soccorso.

Mal di testa con rigidità nucale

Se tuo figlio oltre a un forte mal di testa principalmente localizzato nella parte posteriore della testa (la nuca) non riesce e piegare in avanti testa e collo, ovvero presenta rigidità nucale, e ha febbre alta, portalo al più presto in pronto soccorso in quanto potrebbe trattarsi di meningite.

Mal di testa con febbre alta

Qualsiasi mal di testa forte accompagnato da febbre alta e che causa intenso disagio al bambino, magari impedendogli anche di dormire, va valutato in pronto soccorso.

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora