MOTIVAZIONE E STUDIO, TREND EDUCATIVI

Compiti a casa: crea un piano di studio con tuo figlio!

Tempo di lettura: 9 minuti

Ogni venerdì la stessa storia. Il weekend è alle porte, vogliamo concederci un po’ di relax ma prima... c’è da aprire il diario dei figli. Un momento spesso molto temuto da noi genitori, e non a caso! 📚

Mettere i figli a fare i compiti può essere un’impresa abbastanza impegnativa. Soprattutto in un periodo come questo, in cui la didattica a distanza e le restrizioni al movimento imposte dalle misure per contrastare la pandemia stanno mettendo a dura prova anche la proverbiale resilienza dei più giovani, e può diventare difficile ottenere la loro collaborazione riguardo ai compiti.

Come fare allora? Tutto è perduto? 😱

Niente affatto! Puoi insegnare a tuo figlio a creare un piano di studio per superare in maniera efficace lo scoglio rappresentato dai compiti a casa. Ma non solo: essere in grado di creare un programma di studio lo faciliterà per tutta la carriera scolastica, poiché gli permetterà di prepararsi in maniera adeguata a qualsiasi esame, test o interrogazione. 

Se ti sembra un bel discorso ma ti stai chiedendo come fare a metterlo in pratica con tuo figlio che frequenta ancora le scuole elementari, non perdere la speranza: con il giusto supporto dei genitori, tutti ce la fanno! 

compiti-a-casa---2

Che cos’è un piano di studio e a cosa serve

Tendiamo sempre a pensare che l’organizzazione del proprio tempo sia qualcosa che spetta a manager, donne in carriera, freelance super impegnati: invece i primi a doversi organizzare le giornate dovrebbero essere proprio gli studenti! 🎒

Ti ho già svelato il primo segreto: l’obiettivo di un piano di studi fatto come si deve non è solo quello di stabilire a che ora mettersi a studiare o fare i compiti, bensì quello di aiutare lo studente a gestire il proprio tempo in modo che lo studio trovi il suo posto nella giornata a fianco degli hobby e dei momenti di riposo.

Ecco perché ti ho detto subito che insegnare a tuo figlio a creare un piano di studio è una mossa furba e da fare quanto prima. Anche un bambino di prima elementare è in grado di prendere decisioni, se messo in condizione di farlo; è anche capace di organizzare il proprio tempo, con il supporto adeguato. E noi genitori dobbiamo essere quel supporto 💓

 

Prima di continuare, vediamo subito quali devono essere le caratteristiche di un buon piano di studio:

 

✅ Dettagliato

Non bisogna aver paura di scendere nei dettagli. Un piano di studio efficace, che possa davvero rivelarsi un valido alleato (per genitori e figli), deve essere molto dettagliato: richiede un po’ di tempo per essere preparato, bisogna rifletterci su quanto basta. Può sembrarti uno sforzo eccessivo la prima volta, ma ti assicuro che la fatica fatta viene ripagata abbondantemente.



Interattivo

Non puoi pensare di prendere un foglio bianco e scriverci sopra gli orari in cui tuo figlio deve fare i compiti. Non è questo che si intende quando si parla di piano di studi! La programmazione dello studio e delle giornate in generale deve essere negoziata con tuo figlio, le scelte vanno condivise e devi ricordarti che le sue preferenze contano, e tanto anche!

 

Include i momenti di svago

Mettiamocelo bene in testa: lo svago, il divertimento, il riposo, gli hobby e lo sport fanno parte di un piano di studio. Non sono cose “in più” che possono essere fatte in tutti i momenti liberi dallo studio o dai compiti; devono avere dei momenti dedicati che, proprio come i compiti, non devono essere saltati!

 

Può adattarsi a qualsiasi livello

La prima volta che mi consigliarono di strutturare delle routine per l’apprendimento per mia figlia - ovvero di pensare a un piano di studio - aveva da poco iniziato la prima elementare. Ho pensato anche io che fosse utopico, proprio come forse stai pensando tu, ma… provare per credere! Non è per niente impossibile impostare un piano di studio per un bambino piccolo.



Ti sembra un’impresa titanica fare un programma di studio assieme a tuo figlio? Niente paura, nel prossimo paragrafo vedremo in dettaglio come fare a strutturarne uno in maniera semplice.

Una cosa va sottolineata subito però: è vero, creare un piano di studio richiede un certo impegno iniziale. Ci sono tante variabili da considerare e bisogna operare delle scelte. Ma questo sforzo non è nulla in confronto al guadagno in termini di pace mentale, serenità e tempo che un buon programma di studio assicura! 😉



Come creare un programma di studio efficace per tuo figlio

Avrai già capito che non si tratta di mettersi a tavolino e scegliere cosa è meglio per tuo figlio in fatto di studio a casa. Un programma di studio efficace parte proprio dalla prerogativa opposta: che lo studente, di qualsiasi età, sia in grado di scegliere da solo cosa sia meglio per lui o lei. Se questo concetto non ti sembra applicabile a tuo figlio non ti preoccupare: non sei il solo a pensarla così!

Abbiamo tutti avuto i nostri dubbi quando si è trattato di concedere fiducia in ambito scolastico. Forse perché ci ricordiamo benissimo di quando anche per noi fare i compiti era l’ultima cosa sulla lista dei desideri… 😇

Dobbiamo però sforzarci di concedere questa possibilità ai nostri figli. Più che per una questione di principio, perché sono assolutamente in grado di fare scelte, a qualsiasi età, se supportati nella maniera corretta; e una persona che decide per sé stessa imparerà ben presto a fare le scelte migliori! Responsabilità e autonomia: due ingredienti indispensabili per il percorso di studi, come la grande Maria Montessori ci ha spiegato tanto bene.

 

👉 Ma torniamo al nostro piano di studio. Come crearlo assieme ai nostri figli?

Per quanto riguarda l’età, lasciatevi guidare dal vostro istinto ma anche dalla razionalità: un bambino che ha appena iniziato il suo percorso nella scuola primaria non sarà già in grado di organizzarsi da solo le giornate, mentre chi frequenta la scuola media lo è assolutamente e dunque, se è restio a farlo, è il caso si spronarlo! 

In linea generale, prima si inizia e meglio è. All’inizio si tratterà di accompagnare, ma presto l’autonomia arriverà. 👶

Ecco come creare un programma per studiare:

 

📗 Fai un elenco dei compiti

Per prima cosa bisogna farsi un’idea chiara di tutto ciò che c’è da fare. Quanti compiti sono stati assegnati? Quante materie ci sono da studiare? Diario - o registro elettronico - sotto mano, foglio bianco e penna: si comincia!

 

🔖 Dettaglia tutti i compiti assegnati

Una volta segnate le materie da studiare sul foglio, per ognuna di esse elenca dettagliatamente tutti i compiti che sono stati assegnati. Pagine da leggere, esercizi da fare, lavoretti o altri compiti pratici.

 

❗Assegna le priorità

Non tutte le materie sono uguali e non tutti i compiti assegnati richiedono lo stesso tempo. In questa fase della programmazione tuo figlio deve essere molto sincero riguardo ai suoi punti di forza e alle sue eventuali difficoltà. La tua conoscenza del suo rendimento scolastico può certamente aiutarlo ad assegnare le giuste priorità alle varie materie. Per semplificarvi la vita, potete assegnare assieme un punteggio di priorità a ciascun compito: ciò vi aiuterà a capire a colpo d’occhio quali saranno i compiti più onerosi in termini di tempo, concentrazione e difficoltà.

 

🆗 Suddividi le giornate in “blocchi”

Il segreto per un buon programma di studio è quello di riuscire a dividere efficacemente le giornate e gli impegni in blocchi di tempo. Lo so, può essere difficile la prima volta, ma con un po’ di pratica si riesce a ridurre mattine e pomeriggi a un insieme di blocchi da destinare alle varie attività. Ricorda che ogni blocco di tempo deve essere autoconsistente e quindi includere i dovuti minuti di pausa (ad esempio: un blocco di un’ora può essere costituito da 50 minuti di studio e 10 di pausa).

 

🔔 Assegna i compiti ai vari blocchi

Ora che hai suddiviso la giornata di tuo figlio in blocchi di tempo, puoi decidere assieme a lui come ripartire ogni compito assegnato nei diversi blocchi di tempo disponibili. È importante che tu segua le sue preferenze durante la pianificazione: una materia odiata può benissimo essere lasciata per ultima durante il giorno, a patto che si rispetti il tempo di studio concordato. Le priorità assegnate in precedenza servono per capire quanti blocchi di tempo richiederanno i vari compiti: aiuta tuo figlio a fare una stima realistica del tempo che gli è necessario per svolgere le attività previste.

 

💡 Tieni degli spazi “jolly”

Il segreto per riuscire a rimanere fedeli al piano di studio? Poter sgarrare ogni tanto! Ecco perché è importante prevedere dei blocchi di tempo “extra”, disponibili per un surplus di studio che non si era riusciti a prevedere o, al contrario, per concedersi del riposo o dello svago necessari per poter ripristinare le energie. Gli spazi “jolly” permetteranno a tuo figlio anche di non arrivare all’ultimo giorno prima del rientro a scuola con il tempo contato (e l’acqua alla gola!).

La Rivoluzione delle ripetizioni

Consigli per restare fedeli al programma di studio


Sei ancora dubbioso circa il fatto che tuo figlio sia in grado di rispettare la routine di studio che avete programmato assieme?


Ecco suggerimenti e consigli per aiutarlo a rimanere in corsa:


🖋 Aiutalo a procurarsi tutte le risorse necessarie (astuccio, pastelli, penne funzionanti, righello…)


🆘 Offrigli supporto quando te lo chiede


📙 Permettigli di applicare le strategie di apprendimento che preferisce (e se non le conosce, insegnagliele!)


Usa un timer per misurare i blocchi di tempo


😴 Aiutalo a rispettare le pause in maniera precisa (non di meno, non di più!)


🎧 Minimizza le distrazioni ambientali (radio, televisione, fratelli o sorelle che giocano ecc.)


🍎 Preparagli una merenda da consumare durante la pausa


📍 Fai il punto sui progressi assieme a lui una volta al giorno 


➤ Sii flessibile: se c’è qualcosa da cambiare, aggiusta il programma in corsa


👪 Condividi l’idea con altri genitori: potrete aiutarvi a vicenda!



Perché hai bisogno di un piano di studi per tuo figlio

Non si tratta solo di superare indenni il weekend 👌

Imparare come organizzare un programma di studio può avvantaggiare tuo figlio nello studio e garantire a tutta la famiglia una maggiore serenità per quanto riguarda l’ambito scolastico. È un fantastico modo per imparare a conoscersi come studenti, scoprire i propri punti di forza e approfondire le proprie aree di debolezza in modo da poter intervenire su di esse in maniera ragionata.

Uno dei modi migliori per aiutare tuo figlio a potenziare il proprio apprendimento è sicuramente quello di affiancargli un tutor specializzato, come quelli che GoStudent mette a disposizione tramite la propria piattaforma di ripetizioni online: prenota subito la tua lezione di prova e inizia a strutturare il programma di studio per tuo figlio!

 

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora