STORIA, MOTIVAZIONE E STUDIO

Come memorizzare date di storia

Capitoli

  1. Come studiare la storia divertendosi

  2. Metodi per ricordare le date di storia

La storia è quella materia che ha dato e continua a dare un bel po’ di filo da torcere a ogni generazione. D’altronde, ricordare migliaia di anni di avvenimenti, nomi e date non è una passeggiata. Come puoi aiutare tuo figlio a studiare la storia in modo facile e divertente? Ci sono vari metodi, alcuni puntano sulla memoria visiva, altri sulle associazioni mentali, altri ancora sulla localizzazione. Scopriamoli insieme.

come_memorizzare_date_di_storia

1. Come studiare la storia divertendosi

Si dice che l’uomo sia l’unico animale che inciampa due volte nella stessa pietra. Imparare la storia è l’unico modo per conoscere gli errori del passato, così da non ripeterli un’altra volta. La storia come si studia a scuola però può essere un vero rompicapo. I professori assegnano malloppi di pagine da studiare e pretendono una conoscenza precisa di nomi e date.

Come fare a cavarsela nella confusione di battaglie, alleanze, sconfitte e incoronazioni? Occorre trovare un metodo di studio personalizzato e soprattutto divertente. Ecco alcuni dei trucchi migliori che puoi suggerire a tuo figlio per memorizzare le date velocemente. 🚀

 

2. Metodi per ricordare le date di storia

 

Disegna una linea del tempo ✍️

Disegnate una linea del tempo dove posizionare le date serve a fissare nella mente la disposizione temporale degli eventi. Dopo aver segnato sulla linea le date principali, si può procedere ad unirle con delle frecce, così da evidenziare il rapporto causa-effetto che guida gli eventi. Per esempio, l’attentato di Sarajevo nel 1914 (che ha segnato l’inizio della prima guerra mondiale) va collegato con il 1915, anno in cui entra in guerra l’Italia.

 

Semplifica le date

Le date sono numeri abbastanza lunghi da ricordare perché tra giorno, mese e anno contengono fino a 8 cifre. Ecco perché scomporle in numeri più piccoli può essere utile per memorizzarle più facilmente. Ad esempio il 1215, anno di emissione della Magna Carta in Inghilterra, si può ricordare con più facilità se scomposto in 12 e 15. Il 1789, anno di inizio della rivoluzione francese, si può pensare come le cifre 7,8,e 9 messe in ordine crescente.

 

Collega il numero a una data che conosci

Un metodo semplice per ricordare le date è quello di collegarle ad altre date che sono più familiari a tuo figlio. Il momento storico che ho sempre ricordato con più facilità è quello della scoperta dell’America, il 1492, perché lo associo alla data del mio compleanno. Sono nata in aprile del 1992, quindi il 4/’92. In più, avendo io una memoria prevalentemente visiva, immagino di essere sul ponte della nave insieme a Cristoforo Colombo mentre indichiamo l’orizzonte e gridiamo: “Terra!”.

Suggerisci a tuo figlio di usare le date dei compleanni dei suoi amici e collegarle agli eventi storici da ricordare. Provate poi ad immaginare insieme le persone che conoscete all’interno di quel periodo storico, mentre bevono il tè con Maria Antonietta o progettano le piramidi insieme a Tutankhamon.

 

Associa il numero a un’immagine divertente 🎂

Una data di per sé dice poco, sono solo numeri. Ecco perché per memorizzare le date abbiamo bisogno di creare delle associazioni mentali. Se poi le associazioni mentali che costruiamo sono anche divertenti, allora hanno l’effetto di una barzelletta ed è ancora più facile ricordarle.

Se per esempio tuo figlio deve imparare la data di nascita di Leonardo da Vinci, immaginate il grande inventore mentre festeggia il compleanno insieme ai suoi amici. Leonardo indossa un mantello con scritto 15 aprile 1452 (la sua data di nascita) ed è intento a spegnere le candeline quando la sua lunga barba prende fuoco! 🔥

Insomma, date libero sfogo all'immaginazione e create una storia nella storia, vedrai che studiare per la verifica sarà più facile per tuo figlio.

 

Metodo dei loci

La tecnica dei loci, detta anche “palazzo della memoria” è stata inventata da Cicerone, grande oratore romano, che la utilizzava per memorizzare i suoi lunghi discorsi in senato. Il metodo consiste nell’associare delle immagini agli eventi da ricordare, e poi posizionare queste immagini in dei luoghi a noi familiari (come le stanze di casa nostra ad esempio). Compiendo un percorso immaginario da una stanza all’altra della casa possiamo ricordare gli eventi nel giusto ordine.

La tecnica dei loci inizialmente può richiedere del tempo per essere assimilata, ma una volta imparata rende lo studio molto più divertente e stimolante.

 

Usa le rime 🎶

Ci sono persone che hanno una memoria uditiva più sviluppata di quella visiva, in questo caso la musica è la carta da giocare per memorizzare date e nomi di personaggi storici. Ad esempio, si può usare una filastrocca per ricordare i nomi dei 7 re di Roma o la vita di Garibaldi. Puoi addirittura inventare una canzone assieme a tuo figlio per ricordare un certo avvenimento. Prendete un ritornello orecchiabile come quello della canzone sanremese “Musica leggerissima” e modificate il testo parlando della disfatta di Napoleone a Waterloo. 😁

 

Disegna mappe mentali

Scrivere le date più volte è un metodo per aiutare la memoria. Ce ne accorgiamo facilmente quando prendiamo appunti: in genere ricordiamo molto di più rispetto a quando non lo facciamo. Per passare allo step successivo, oltre a segnare date ed eventi principali possiamo organizzarli in una mappa mentale, uno strumento che stimola la creatività e la motivazione allo studio. 📚

Qualsiasi sia il metodo preferito di tuo figlio, ricordare tutte le date di storia è impossibile: sii quindi clemente con lui e non arrabbiarti se gliene sfugge qualcuna, l’importante è che abbia una buona conoscenza degli avvenimenti principali. 💪

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora