APPRENDIMENTO DIGITALE, ALTRI CONSIGLI

Adolescenti e sicurezza online: come comportarsi?

Capitoli

  1. Sicurezza online: i numeri del fenomeno
  2. Quali sono i rischi che gli adolescenti corrono online?
  3. Giovani e sicurezza sul web: segui questi consigli

 

Guardare i nostri figli crescere e rapportarsi ai dispositivi digitali con molta più confidenza di noi può farci preoccupare. La digital life è qualcosa con cui ormai è necessario rapportarsi. Ma come garantire sicurezza online ed evitare rischi per i nostri figli adolescenti?

 

apps-zum-sprachen-lernen

 

Sicurezza online: i numeri del fenomeno

 

Partiamo da un dato che dovrebbe subito farci riflettere: un utente di internet su tre, al mondo, è un bambino. 👶 E più di due terzi dei giovani del mondo sono connessi. La sicurezza online dei nostri figli, dunque, è qualcosa che deve interessarci!

 

Gli smartphone, in continua e crescente diffusione, consentono ai nostri figli di essere sempre online. Questa vita perennemente connessa, se da un lato apporta dei benefici dall’altro presenta dei rischi, come le dipendenze tecnologiche e la condivisione di informazioni personali.

 

I giovani - e non solo loro! - non sempre sono consapevoli del fatto che quanto condividono online diventa di dominio pubblico; sui social, ma non solo. E ciò che è di dominio pubblico può essere usato in modi che a noi non piacciono. Ecco perché la sicurezza dei nostri ragazzi sui social e online in generale dipende in larga parte da noi genitori: la questione non è solo quella di proteggere i nostri figli (senza diventare genitori iperprotettivi), ma quella di educarli a un utilizzo sicuro del web. 💻

 

 

Quali sono i rischi che gli adolescenti corrono online?

 

Non c’è bisogno di spaventarsi ma occorre sapere che i rischi che si corrono online sono parecchi, se non si usano app, social e siti web nella maniera corretta. Così come da non sottovalutare sono anche gli effetti della tecnologia sugli adolescenti. Vediamo una piccola panoramica di quel che può capitare.

 

Contatti indesiderati 👥

 

I contatti indesiderati fanno parte del più grande gruppo delle molestie online e si verificano quando si viene contattati da sconosciuti pur senza aver cercato l’interazione. So cosa stai pensando: capita molto spesso! E’ vero, purtroppo il fenomeno è in aumento. Il problema nel caso dei nostri figli è che un adolescente può non sapere come gestire questa situazione.

 

👉 Alcuni contatti indesiderati online, se coltivati, possono trasformarsi in incontri reali di persona. Questo è un rischio assolutamente da evitare.

 

 

Insulti e minacce 💬

 

Ovvero, ciò che viene definito cyberbullismo. Come abbiamo visto, anche sui più popolari social network come Facebook il cyberbullismo è ormai purtroppo una realtà concreta (per non parlare del cyberbullismo su Snapchat). Occorre sapere come difendere i nostri figli e insegnare loro come difendersi.

 

 

Truffe e frodi 💸

 

Quasi un terzo degli utenti di internet al mondo è stato vittima di una frode online. Considerando i numeri che abbiamo visto prima riguardo ai giovani, è facile immaginare che nemmeno loro siano risparmiati da questo fenomeno.

 

 

Acquisti in-app 💰

 

Hai presente quando tuo figlio fa “tap” sul pop-up che si è appena aperto mentre sta giocando a un gioco sul tablet? Ecco, può finire male se quel pop-up è un’offerta di acquisto. Gli acquisti in-app sono un rischio concreto, come dimostra questo recente caso di cronaca.

 

 

Contenuti inadatti all’età 👄

 

Navigando senza guida o supervisione, gli adolescenti possono finire in siti riservati agli adulti. Tutti i siti di pornografia online sono 18+, ma basta cliccare su “Dichiaro di avere più di 18 anni” e si può accedere a sconfinate librerie di video di ogni tipo. La pornografia fornisce un’immagine distorta della sessualità (un tema spesso difficile da affrontare con i bambini), che un adolescente, da solo, non è in grado di interpretare. 

 

 

Giovani e sicurezza sul web: segui questi consigli

 

Ora che ci siamo ben bene spaventati 😰, ecco qualche consiglio per mettersi al riparo da questi rischi. Che, come puoi facilmente immaginare, nei prossimi anni non potranno che aumentare: con la connettività sempre più diffusa e sempre più veloce, la nostra vita digitale subirà un’ulteriore accelerazione.

 

 

Non lasciare solo tuo figlio

 

Parla con tuo figlio di ciò che fa online. Proprio come gli chiedi come è andata a scuola, puoi chiedergli cosa sta facendo/ha fatto online e porgli qualche domanda che dimostra il tuo interesse e la tua presenza 👪. Qualche consiglio:

 

  • Chiedigli con chi chatta, chi ha conosciuto online, se si è fatto qualche amico
  • Chiedigli di mostrarti come funziona l’app che usa sempre per messaggiare, se non la conosci
  • Informati sui giochi online che utilizza e parlane con lui

 

 

Fai in modo che utilizzi i device in tua presenza

 

Non serve stargli dietro la schiena a sbirciare ciò che fa! 👀 E’ sufficiente chiedergli di usare il computer, il tablet o lo smartphone in sala, in cucina o comunque negli spazi comuni di casa. In questa maniera si sentirà supervisionato in maniera “soft”.

 

 

Non rinunciare al parental control

 

Ci sono tante app che permettono di proteggere i nostri figli su internet in maniera ben poco invasiva. Ma soprattutto, ciò che è più importante, fai in modo che tuo figlio sappia di essere controllato: si tratta di spiegargli che lo fai per il suo bene e di trovare un accordo sui limiti e le regole, quando è più grandicello.

 

 

Educa tuo figlio all’uso della tecnologia

 

L’abbiamo ripetuto spesso: educa tuo figlio a usare computer e internet sin da quando è un bambino (magari, proponigli il coding). Sii disponibile ad aiutarlo e informati tu per primo su app, giochi e siti internet frequentati dai ragazzi della sua età. 

 

 

Ogni tanto, controlla la sua cronologia

 

Non c’è bisogno di farglielo sapere, puoi controllare la sua cronologia di navigazione una volta ogni tanto, per assicurarti che non stia usando il web in modo inappropriato. 🌐 Ma, anche, sulla base delle ricerche che effettua, per capire se c’è qualcosa di cui non riesce a parlarti o se sta sperimentando delle difficoltà per cui sarebbe il caso di rivolgersi a uno psicologo

 

 

Informalo sui rischi legati ai contatti sconosciuti

 

Proprio come gli hai insegnato a non accettare “caramelle dagli sconosciuti” 🍬, insegnagli l’importanza di selezionare i contatti che accetta online. Inoltre, ricordagli che la vita online non è poi così diversa da quella offline: ciò che non condividerebbe con uno sconosciuto nel mondo reale, non dovrebbe condividerlo su internet.

 

Consigli degli esperti

Aiutiamo gli studenti ad imparare, non solo ad alzare i voti.

Guida motivazionale gratuita per genitori.

Scarica ora